Anche Vanity Fair lancia il suo editoriale basato sulle tempistiche del film!

Quando si attende trepidanti un evento il tempo si dilata e l’attesa e viene percepita in maniera differente da quella reale: è questa l’unica spiegazione plausibile per tutti gli editoriali sfornati dai siti stranieri basati sulla mancanza di novità riguardanti il film.

Anche Vanity Fair vuole dire la sua ribadendo che è già passato un anno dall’acquisizione dei diritti per la trasposizione cinematografica dei libri di E L James. All’inizio tutte le congetture, i rumors potevano anche essere divertenti e interessanti, così come l’opinione dei fans dimostrata attraverso i trailer con protagonisti i loro beniamini e pagine Facebook per il loro supporto. Ma a questo punto potrebbero stancarsi?

Vanity ironicamente chiede a E L James di mandare almeno un piccione viaggiatore con una cravatta argentata e con allegato uno spaccio con qualche novità o anche un mini razzo con qualche notizia. Insomma, chiedono un qualsiasi cosa che li aiuti a sopravvivere a un nuovo ciclo di rumors, sondaggi a non finire e lamentele dei fans!

Vogliamo far notare che non passa giorno senza leggere dai siti stranieri – anche i più autorevoli – notizie sul film, il probabile cast etc.. Il fenomeno continua a dilagare e ci chiediamo: conviene alla produzione tutta questa attesa? Forse si.