Sam Taylor Johnson: “Lavorare con E L James? Tanto, tanto frustrante”

 

 

Nuovo Botta & Risposta con la regista Sam Taylor Johnson dove rivela tutte le battaglie e i vantaggi di lavorare su uno dei progetti più caldi di Hollywood.

– Come ti sei sentita quando hai scoperto che il film sarebbe andato in anteprima proprio a Berlino?

–  Non sapevo che stava accadendo fino a quando è accaduto. Non ho mai pensato che sarebbe successo. Sono super, super eccitata.

– Hai visto qualche film per ispirarti?

– Ovviamente quelli che guardano tutti, 9 settimane e 1/2, Ultimo tango a Parigi e Il blu è un colore caldo. Ma poi ho capito che questo non era solo sesso era molto più psicologico ed emotivo.

– Come hai trovato Dakota Johnson?

– Dakota è stato facile. Abbiamo dato a ogni attrice che si è presentata quattro pagine da leggere di un monologo tratto da Persona di Ingmar Bergman. E’ pezzo lungo da imparare, ed era molto complesso. Ciò significava che abbiamo potuto vedere chiaramente chi era in grado di assumere una transizione in questo viaggio. Dakota è stata molto in gamba e molto concentrata. Ovviamente poi ho visto alcune centinaia di altre ragazze per essere sicura.

– Trovare Christian Grey si è rivelato più difficile dopo che Charlie Hunnam aveva abbandonato?

– E’ stato devastante. E’ stata dura, perché pensavo di avere trovato un vero e proprio collaboratore in Charlie. Ma ho cominciato a sentire che stava diventando nervoso per il fatto che ci sarebbero stati tre libri. Improvvisamente si è rivelato un po’ difficile per lui gestire il concetto che 10 anni della sua vita sarebbero potuti andare a questo personaggio. Credo che lo abbia reso nervoso. Ma ora non riesco a immaginare nessun altro all’infuori di Jamie.

– E L James ha partecipato molto attivamente nel film. È che un’esperienza che consiglieresti ad altri registi?

– È difficile. Quando si dispone di un autore, si tratta di un rapporto difficile e impegnativo. Non sto dicendo che a volte non è stata utile, ma ci sono stati momenti in cui era molto, molto frustrante.

– Cosa credi debba accadere perché il film sia un successo?

– Posso trovare un paio di motivi diversi. Se sarà amato dai fans, sarà un grande successo. Se piacesse alla critica sarebbe grande. Finanziariamente è meno importante per me, ma penso che mi permetterà di fare quello che voglio sul prossimo film.

 

THR

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.

 

25 commenti

  1. Cinzia

    Grande grande SAM!!!
    Quella ha rotto il cazzo! Ma cosa vuole? ha venduto i diritti, che non ci metta il becco! O vuol fare uscire fuori un film x bimbominchia come il suo libro?
    ma che torni a guardarsi TWILIGHT alla sua età e a fantasticarci sopra e lasci ai professionisti il proprio lavoro,.
    Idiota

    • Desi

      Come sempre, tanta stima per la tua opinione. SI, OPINIONE, anchhe se per esprimerla devi sentirti chiamare HATERS.. quel termine che si usava nel fandom di Twilight o HP….
      La James deve ringraziare il suo compare di bevute Brunetti se ancora non aveva preso preso un calcio in culo da quel set. Più addetti ai lavori ne hanno parlato male di lei e anche gli attori, vedo spendere bene da loro solo parole sulla regista, MAI UNA SULL’AUTRICE. UN CASO?
      Alla mostra di Sam Jamie ha partecipato, alla mostra della James non si è visto un cane.

  2. Rosy

    Le finte haters sono sempre qui, ahahaha.

    Grazie infinite. Siete bimbominchia come noi.
    Vi pice proprio questo sito e anche libro, ma non lo ammettete, in ogni caso grazie comunque XD

  3. Rosy ♥

    A me ha stancato sinceramente questa Sam…
    Questa è una creatura di EL James, ci mancherebbe che non avesse detto la sua e ha fatto benissimo…
    La signora regista dovrebbe stare con i piedi per terra e ringraziare solamente la James perché se non fosse stato per lei adesso nessuno saprebbe chi diavolo è Sam Taylor-Johnson…

    • Sole

      ho pensato la stessa cosa. anche se ha venduto i diritti del libro, ciò non significa che non debba vedere stravolta la sua storia. anche perchè se lei non l’avesse creata, col cavolo che questa qui avrebbe girato una trilogia sfornasoldi. quindi credo debba abbassare un pò la crestina. brava sì ma calmina però.

  4. Rosy ♥

    Infatti…
    Domani finalmente potremo vedere questo film di cui lei si sta prendendo tutti i meriti, anche quelli non suoi…
    Bisognerebbe ricordarle che si tratta di un lavoro di squadra e in questa squadra ci sono altre persone… Non ha fatto mica tutto lei!!!
    Il video di Earned It sinceramente non mi è piaciuto neanche un po’… Per una canzone così bella e sensuale mi aspettavo altro, diverso da una danza di culi al vento…

  5. Lorenza

    La soluzione è semplice per la nostra cara Sam… può dire di no e non fare la regista per i due film seguenti!

  6. Rosy ♥

    Cara Lorenza,
    Secondo te la signora rinuncerebbe a fama, soldi e successo???
    Quella resterà aggrappata a tutto questo per molto tempo ancora…

  7. Desi

    Si vede che le bimbominchia che usano appellativi come “finte haters” non si estinguono mai.
    SAM E’ UN GENIO, UN’ARTISTA CONCETTUALE, ovviamente non capibile dalla mass, figuriamoci dalla rappresentanza mediocre che vedo qua.
    La James ha scritto una fan fiction (HAHAHAHAHAH) tratta da un libro/film per ragazzine (HAHAHAHAHAHHAHAH AL CUBO) e ovviamente pretende di mettere becco?
    Fossi in lei starei zitta in un angolo e cercherei di imparare qualcosa.
    Per la cronaca, il video EARNED IT è un capolavoro con parecchie sfaccettature aperte a capibili per il pubblico che ama l’erotismo di classe.
    AH GIA’ DIMENTICAVO, QUI SI AMANO LE FAN FICTION…

  8. Lorenza

    Allora se è tanto sofisticata e raffinata, come mai la cara sam ha accettato di dirigere le riprese di un film tratto da un libruncolo insulso e stupido?
    Caduta di stile? !?

    • Billy

      Credo che per un’artista erotica sia il massimo dirigere un film tratto da un erotico. per me non si aspettava, perché è una cosa davvero assurda, una presenza così ingombrante sul set come quella dell’autrice.

    • Desi

      Credo che Billy (uomo o donna?) ti abbia pienamente espresso anche il mio parere. E anche un cieco se ne accorgerebbe,

  9. Billy

    Mi trovo d’accordo con Desi, purtroppo l’autrice non brilla per genialità, ma per copia e incolla di opere altrui. Nelle sfumature trovi di 9 settimane e mezzo, Pretty woman etc..
    Le è andata di culo, beata lei, ma forse dovrebbe imparare un filo di umiltà quando ti trovi di fronte a dei veri geni dell’erotismo, e la Wood lo è. A detta di tutti. Quindi, lasciala lavorare sicuramente avrebbe fatto un gran lavoro e non un copia e incolla come volevano i fans, tutti minorenni (lo vedi dalle foto di NY,) della James.

  10. velonero

    Je suis BimboMinkia.

    Permettetemi di dire che ci vedo un bel po’ d’invidia e molta presunzione in chi NULLA ha ancora dimostrato e si vuol erigere a Maestro di chi, invece, vuoi o non vuoi, ha venduto cento milioni di copie di un libro che son tre anni che commentiamo. Christian Grey, potete essere d’accordo oppure no, è il personaggio più interessante creato nel 21° secolo e la morbosità per vederlo immortalato sullo schermo vi fa versare fiumi di inchiostro virtuale. Vorrei informarvi che non è uscito dalla mente brillante e super raffinata di STJ, ma dalle fantasie di una scrittrice per bimbominchia!!!

    • Tina Cox

      Permettimi. Mi fermo solo alla tua prima frase. La WOOD ha già dimostrato parecchio, fidati. Ma parecchio davvero. Lavori che se ti documentassi forse…. stenderesti un tappeto rosso.

    • Cinzia

      LA CAZZATA DEL GIORNO!!
      E tu vorresti dirmi che….. la regista non ha ancora dimostrato nulla a confronto della James?
      Ok, vado in letargo e mi sveglio quando il pianeta sarà popolato da menti più intelligenti.
      INFORMATI CAZZO!

  11. Tina Cox

    E’ una realtà non opinabile e inconfutabile che la Wood sia classificata come artista geniale. la James? Chi è? Che trascorsi nell’ambiente ha?
    Non confondiamo la merda con il cioccolato.

  12. Rosy ♥

    Ma sapete vero che il film che domani andrete e andremo a vedere tutti si chiama 50 sfumature di Grigio???

    No perché qui leggo un sacco di cavolate su EL James… Vorrei ricordarvi che senza di lei domani i cinema di mezzo mondo sarebbero vuoti: niente fanfiction, niente libro, niente film…
    Forse è troppo difficile per voi…
    D’altronde, non siete in grado di esprimere un concetto o pensiero senza necessariamente insultare chi la pensa diversamente…
    Cara Desi, dovresti stare attenta alle parole che usi sai??? Questa fanfiction per bimbeminchia come la chiami tu piace un sacco anche a te, altrimenti non saresti a leggere su questo sito da sempre ad aspettare che esca il film…

    Sam potrà essere un genio in quello che fa, non è affar mio dato che non mi piace…
    Io mi baso su ciò che ho letto e che riguarda questo film… Se tu ci vedi dell’erotismo il Dakota legata come un salame che rotola appesa al soffitto, beh contenta tu…
    Per me si poteva rappresentare il libro in ben altra maniera…
    Il fatto comunque che io la pensi diversamente non mi da il diritto di attaccarti e insultarti pesantemente, al contrario di te che non aspetti altro che questo…
    Si ritorna sempre allo stesso punto: EDUCAZIONE!!!
    Buona serata!

  13. Rossella

    Quindi se il successo finanziario del film le permetterà di fare meglio nel prossimo vuol dire che in qualche modo ha avuto delle limitazioni economiche in questo primo capitolo…….a buon intenditor….!!!!!!

  14. Simona

    Premetto con il dire, che insultare autrice regista e libro il giorno prima della sua uscita, sia una cosa davvero pessima. Dovremmo ringraziare in primis l’autrice, chw non avrà di certo scritto un capolavoro della letteraruta italiana ma se ha avuto successo un motivo ci sarà. Il film ancora dobbiamo vedere, quindi non diamo subito giudizi affrettati, né positivi ne negativi. La regista secondo me ha fatto il suo lavoro e questo è l’importante. E per fare un film di successo secondo il mio parere, bisogna ascoltare anche i consigli degli altri. In questo caso l’autrice. Poi basta offendersu a vicenda, c’è a chi piace e a chi no, a chi piacerà e rimarrà soddifatto del film e chi inveve sarà deluso. Io darò la mia opinione venerdì. Infine, non giudichiamo persone che nemmeno conosciamo di persona! Con questo chiudo. Buona serata

  15. J

    Per la prima volta leggo qui così tante critiche per quanto riguarda l’autrice, il libro, il film.. Ma se non vi piace perché ci sbavate dietro? Comunque ogni uno ha un carattere diverso, la James può essere stata frustrante ma un motivo magari ci sarà no? Credo che per Sam questo tipo di progetto sia stato il primo e quindi mi sembra giusto ascoltare i consigli che li dà la James infine la storia è sua nonostante il fatto che abbia venduto i diritti che riguardano il permesso di portare questo libro sul grande schermo ma non di cambiare la storia! Quindi sto dalla parte della James assolutamente .. Se fossi io in lei non mi sentirei particolarmente soddisfatta a vedere che la mia storia non viene realizzata come sia stata descritta è come i fans si aspettano di vederla ..

  16. velonero

    Io, prima di parlare mi informo, guardo e vedo. Giudico se una cosa mi piace o no, questo posso farlo. Mi riserverò il giudizio sul film dopo averlo visto. Ho visto però il cortometraggio su Lennon – non mi ha dato modo di paragonare la sua regista ai maestri dell’ottava arte, che un po’ conosco. Il film su Lennon non ha nulla di incisivo o memorabile, comunque sicuramente di un livello molto superiore alla clip da salumiere con il deus ex machina che piove dall’alto come una salvifica salsiccia, scusate ma il concetto è piuttosto evidente e poco stimolante. Come le croci di Sant’Andrea di nastro adesivo nero appiccicato sulle natiche rutilanti di sottomesse vestite come Liza Minelli in Cabaret. Credo di aver l’occhio educato all’analisi dei simbolismi, anche se non occorrono anni di studio per arrivarci.
    So per certo che nel film farà meglio di così.
    L’arte concettuale è un fenomeno da studiare con attenzione per non cadere in facili giudizi. L’arte concettuale, movimento a cui ispira la Wood, è lo stesso di Manzoni, che con la sua “Merdà di artista”, vendette le sue feci sigillate in barattoli numerati a peso d’oro: un’ovvia provocazione. E’ questo a cui ti riferivi, la celeberrima opera di Piero Manzoni, vero Tina? E’ un grande esempio di arte concettuale e non sto scherzando.
    Le comparsate della signora Wood a Cannes e nelle giurie cinematografiche sono senza dubbio un gran bel biglietto da visita per una cineasta,ma guarda caso coincidono con la sua relazione e matrimonio con il figlio Lord Jopling, membro influente dell’aristocrazia inglese e politico di spicco nel governo Thatcher, nonchè mercante d’arte.Per cui, no, Sam Taylor Johnson Wood Jopling, non mi ha ancora dimostrato nulla. Aspettiamo.

    , a parte quache cortometraggio, che non ha conuigato una certo supposto linguaggio di Credete, con coglizione di causa

    • velonero

      scusate… a parte qualche cortometraggio e la clip che non ha coniugato la sua vena artistica con lo spirito e l’interpretazione che desiderava dare alle sfumature, la regista non ha prodotto molto di rilevante. Sembra abbastanza evidente che si sia buttata a pesce in un progetto di dubbia rilevanza letteraria, nonostante il suo talento, per la squallida fama e il vil denaro… eppur si deve mangiare. Questo è il vostro luminoso pensiero, se ho interpretato bene i vostri commenti.