Sam Taylor Johnson: “Anastasia ha messo Christian in ginocchio”

 

 

 

Inedita intervista a Sam Taylor Johnson per il magazine tutto italiano Io Donna – il femminile del Corriere della Sera, numero di febbraio.

 

“Quando si arriva alla penetrazione non c’è più nulla di erotico. E’ tutto quello che succede prima ad affascinarmi: toccarsi, guardarsi, baciarsi…”

 

“Ho girato Cinquanta sfumature di Grigio per raccontare la storia di una donna, la sua sessualità e la sua presa di potere. Perché sono anticonformista: ho un marito più giovane di 23 anni, che sta a casa a fare le torte e mi chiede solo di non ritoccarmi le rughe.”

 

Queste e altre nuove dichiarazioni della regista di Cinquanta Sfumature di Grigio sul sito del Magazine cliccando sulla foto sotto, cover della rivista!

 

10462481_1420077368290233_2420077867880048395_n

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi

10 commenti

  1. enrico

    Sam Taylor-Johnson secondo me è davvero una gran donna, prima ancora che una bravissima artista.
    Come regista è ancora agli inizi, 50 shades è solo il suo secondo film, quindi ha ancora tutto da dimostrare.
    A me personalmente sono piaciuti entrambi i suoi film.

  2. Costanza

    Come inizio, la nostra Sam non è andata male, è una vera artista.
    E sono d’accordo con te, Enrico, ha ancora tutto da dimostrare.
    Può essere anche un genio, ma gli sceneggiatori devono fare la loro parte: incrociamo le dita per il Nero!

  3. cielo

    Cara Sam vorrei ringraziarti per aver rovinato il film.
    Ora spero che tornerai alle tuo foto e videoclip e lasci la regia ad un vero regista. Lontana anni luce da noi. Grazie

  4. Rosy ♥

    Io sono molto combattuta…
    L’appoggio quando dice che non c’è nulla di erotico nella penetrazione, mentre lo è tutto ciò che vi conduce, infatti ho apprezzato molto le scene “sessuali” del film, sono state molto fini ed eleganti, mai volgari…
    Ma la “corsa di scene” iniziale mi ha lasciata molto delusa, ha sempre dichiarato di voler dare importanza alla storia d’amore ma a me è sembrato che abbia concentrato intervista-Clayton-Fotografie-Caffè-Prima volta in 10 minuti solo per poter arrivare subito alla stanza rossa…
    Ora, che sia anche un problema di sceneggiatura o di montaggio finale ci può anche stare, ma tu come regista hai comunque più potere decisionale, avrebbe potuto gestirla meglio…
    Ma se questo è solo il suo secondo film allora nel complesso se l’è cavata bene!
    Magari se fosse affiancata da un altro regista per il Nero non sarebbe male…

  5. Rossella

    Proprio come dice lei i preliminari nel sesso sono importantissimi ma lei nel film non mi pare abbia dato molto importanza a questi ultimi……perlomeno io non ho visto tutto questo erotismo come era stato annunciato….ha ragione Rosy quando dice che è sembrata tutta una corsa per cercare di mettere dentro il film gran parte delle cose che ci sono nel libro…!!!!! Lo ribadisco per il seguito si mettano a tavolino e scelgano una linea da seguire invece di discutere e litigare per ogni cosa come sembra abbiano fatto per il primo…!!!!!