Nuovo racconto inedito – “Stanza 508” – 17° Capitolo

Buongiorno a tutte, anche con “Stanza 508” della nostra Helena siamo arrivati ai saluti finali, un altro dei nostri racconti inediti che si conclude.

A Helena vanno i nostri ringraziamenti per averci tenuto compagnia in tutte queste settimane, regalandoci ogni volta un inizio settimana ad alto tasso hot, con la speranza che questo non sia un addio, come già capitato con altre nostre autrici, ma un semplice arrivederci.

Ed ora veniamo a noi, con la domanda che preme a molte di voi, chi avrà scelto Amanda tra Lucas e Andrew?

Dovrete scoprirlo da sole, leggendo il nuovo capitolo, quindi, non mi resta che augurarvi buona giornata e soprattutto…

Buona Lettura

u153113431-o1000403981-111.jpg

 

-Stanza 508-

-Diciassettesimo capitolo-

-Andrew o Lucas?-

Andrew era nuovamente ripiombato nella mia vita mettendo ogni cosa a soqquadro. L’orologio segnava le cinque e mezza del mattino ed io nel mio letto non ero riuscita a chiudere occhio.

Presi il telefono, dovevo parlare con Lucas, liberarmi del peso che Andrew mi aveva nuovamente fatto tornare.

Tre, quattro, cinque squilli e la sua voce assonnata mi rispose.

«Amanda…E’ successo qualcosa?», disse cercando di svegliarsi.

Il cuore mi batteva a diecimila, ero scossa sebbene fossero passate ore da quando Andrew mi aveva presa e stretta a se.

«E’ tornato.», riuscii a dire con un filo di voce.
Passammo un’ora buona a cercare una soluzione, ma l’unica cosa fattibile era capire cosa volevo per poi farlo capire ad Andrew.

Non potevo cambiarlo, ne cambiare me per lui.

Avrei dovuto affrontarlo, una volta per tutte.

Sapevo dove trovarlo, dove avrei trovato anche la risposta a tutte le mie domande.
Presi il primo treno per New York, Lucas mi avrebbe aspettata alla stazione e sarebbe stato al mio fianco nella scelta decisiva.

La mia mente era un vortice di pensieri, ma avevo a disposizione abbastanza tempo per capire cosa desideravo davvero.

Andrew era stato un uragano di passione, sesso che si era abbattuto su di me con una potenza devastante.

Non sapevo nulla di lui, eppure, conoscevo il suo corpo a memoria.

Conoscevo ogni piccolo lembo di pelle che avevo scoperto, baciato, morso, ma non sapevo quando fosse nato, dove, chi erano i suoi genitori.

Tutto quello che sapevo era scritto su migliaia di siti di gossip.

Essere così vicino a lui, ma così lontano dal suo vero mondo, dalla sua vera vita.

Quei brevi momenti di umanità e fragilità, non bastavano, ma, nonostante questo, io volevo conoscerlo, conoscere la sua vera anima, la sua essenza.

Purtroppo, dietro l’angolo, in agguato, c’era una leonessa che avrebbe fatto male a chiunque per aver Andrew tutto per se.

Non ne capivo l’attaccamento così morboso e, se fosse stato amore, era un’amore malato, ossessivo.

Leonie non poteva trattenere Andrew contro la sua volontà, non poteva, perché lui non l’amava.

Non l’amava, certo, ma ne era legato nel profondo.

Legato da quell’assurdo gioco, da quelle fantasie che lei aveva plasmato in lui.

Se Andrew non sarebbe stato la mia scelta, avrei dovuto mettere in guardia Leonie. Non doveva farlo soffrire, ferire quella sua anima già martoriata.

Eppure, non sapevo quanto bene gli avrebbe fatto avere lei vicino. Quanto lei fosse disposta a fare bene a lui, anziché coinvolgerlo nei suoi giochi.
E poi, Lucas.

Quello sguardo limpido, dolce, ma lo stesso sangue della donna più meschina.

Era disposto ad aprirsi, a conoscermi e a lasciarsi conoscere.

Senza timori, senza problemi.

Disposto a starmi vicino, nonostante tutto.

Lui c’era, c’era stato sin dall’inizio.

Le lunghe telefonate, le sere in cui lui scappava da New York solo per potermi abbracciare per una notte.

Il suo conforto, aiuto.

La sua dolcezza ed il modo in cui mi guardava. Sarebbe stato la scelta più giusta, la scelta giusta.

Eppure, qualunque scelta avessi potuto fare qualcuno avrebbe sofferto inevitabilmente ed io non volevo ferire nessuno.

La mia strada adesso era un bivio.

Una strada buia ed una illuminata.

In una il mistero, la passione e nell’altra la dolcezza e la voglia di aprire le porte del proprio cuore all’altro.
Il treno arrivò a destinazione e, nel caos generale, mi affannai alla ricerca di Lucas. Non c’era e questo mi sembrò molto strano.

Pensai che avesse cambiato idea, che avesse capito che questa storia era solo un grande e intricato casino.

Con passo affrettato uscii dalla stazione, presi un taxi e mi diressi a casa di Andrew, ma non appena suonai il campanello, non avrei mai pensato di trovarmi davanti Leonie.

«Vorrei parlare con Andrew.», dissi a denti stretti.

Leonie mi guardava in silenzio, i lineamenti del suo viso erano distesi, ma dentro ribolliva di rabbia.

Si fece da parte, lasciandomi entrare.

Erano tutti lì: Andrew, Leonie e persino Lucas.

Li guardai con aria interrogativa e scuotendo la testa chiesi a Lucas perché fosse li. «Mia madre ha chiesto ad Andrew di sposarla.», disse trattenendo la rabbia.

Sentii il mio cuore saltare un battito.

Adesso la scelta non l’avrei più fatta io.

Andrew aveva lo sguardo rivolto verso il basso, non aveva aperto bocca.

Sembrava scosso, forse dalla proposta di Leonie, forse perché io ero lì davanti a lui decisa a mettere fine a questa assurda storia.

«A questo punto, credo che la mia presenza qui sia totalmente inutile. Avete scelto voi per me.», dissi guardando Leonie dritto negli occhi.

Il suo sguardo gelido mi dava i brividi, eppure, neanche lei aveva proferito parola. Mi voltai decisa a raggiungere la porta per andarmene via un’altra volta.

Non volevo sapere la risposta di Andrew, ne perché Lucas fosse lì senza avermi avvertita.
Era finita.

Dopo mille incontri, vortici di passione e baci roventi questa storia era finita.

Immagine1
Mi rigirai nel letto e improvvisamente sentii il peso ed il calore di un corpo vicino a me.

L’oscurità della notte mi impediva di riconoscere il suo viso.

Sentii il suo dito sulle mie labbra, mi intimava di stare in silenzio.

In un attimo, capii.

Sapevo di chi erano quelle carezze.

La sua mano scivolò sulla mia guancia, lentamente.

Il suo respiro era caldo e rivelava il suo desiderio.

Voleva baciarmi, ma sembrava attendere.

Sembrava prendersi tempo.

Sentivo i suoi occhi su di me, sentivo il suo sguardo scrutarmi dentro.

Ed infine sentii le sue labbra sulle mie. Erano cariche di desiderio, di passione. Voleva baciarmi, voleva avermi, questa volta senza scenate, drammi.

Io e lui.

Contro tutti.
Le sue mani risalirono su per i fianchi lasciandomi brividi al loro posto.

Sentii il peso del suo corpo spostarsi sopra di me.

Mi sfiorò la coscia mentre le sue labbra torturavano le mie baciandole senza sosta. Sentii il suo membro prendere consistenza ad ogni bacio, carezza.

I suoi baci scesero sul mio collo, arrivando al seno.

Più scendeva e più desideravo che scendesse. Il suo respiro caldo si infrangeva sulla mia pelle, ogni mio muscolo era contratto, ma ogni volta che le sue braccia mi stringevano a lui, ogni tensione era allentata.

Cercai di soffocare un gemito mentre la sua lingua prese possesso, prima di uno e dopo poco dell’altro, capezzolo. E poi scese lasciando una scia di baci sul mio addome. Mi tirò via la biancheria e, in un attimo, la sua lingua fu lì, nella mia intimità.

Portai le mie mani sulla sua testa, intrecciai le dita nei suoi capelli.

Lui instancabile, mi regalava scosse di piacere ad ogni colpo di lingua. Il mio corpo era invaso dal desiderio, da un orgasmo che piano piano stava arrivando, ma, sul più bello, smise.

Mi lasciò lì, col cuore in gola ed il respiro spezzato.

Cercavo i suoi occhi nel buio, cercavo almeno una flebile luce che li avrebbe illuminati per farmi scoprire la sua espressione.

Lo sentii ridere e subito dopo avventarsi sulle mie labbra con una rinnovata fame di me.

Ma non era solo sua la fame, era anche mia e dovevo placarla.

Toccava a me torturare il suo corpo fino al limite.

Lo feci distendere per poi baciarlo sul collo. Sotto le dita riuscii a sentire il tessuto dei suoi vestiti. Uno ad uno, sbottonai i bottoni della sua camicia che finì sul pavimento. La sua pelle era calda, sembrava quasi scottare al contatto con le mie labbra.

Sentii il suo respiro accelerare man mano che scendevo. Eppure, non volevo arrivare dove lui sperava.

Risalivo appena prima, quando sentivo che lui tratteneva il fiato.

La mia mano scivolò sulla sua coscia per poi finire sul suo membro.

Era duro, eccitato e dal suo ansimare debolmente capivo che voleva essere soddisfatto. Sganciai i suoi pantaloni che finirono per terra, lo accarezzai nuovamente e questa volta, il suo gemito, risuonò nella stanza.

Iniziai a leccarlo, lentamente, facendo tendere il suo corpo ogni volta che la mia lingua risaliva sul suo membro. Avidamente la mia bocca gli regalava piacere.

Lo sentii implorare di non smettere, ma, come fece lui, all’ultimo momento mi staccai. Rimasi ad osservare il suo corpo al buio, cercavo di scorgere quei lembi di pelle illuminati dalla luna.

Si alzò, ma io mi allontanai.

La sua voce bassa e carica di desiderio mi chiamava.

E mi trovò.

Mi spinse contro il muro per poi tirarmi su.

Le mie gambe cinsero la sua vita mentre le sue labbra trovarono le mie e i suoi denti le morsero.

Si mosse raggiungendo il letto e buttandomici sopra. Mi strinse forte a se e lo sentii dentro di me.

Il suo corpo sopra il mio, la sua pelle fusa con la mia.

I nostri cuori che insieme scalpitavano e i nostri respiri che si spezzavano nello stesso attimo.

Eravamo uniti anima e corpo.

Eravamo insieme, contro ogni cosa.

Io avevo scelto, lui aveva scelto.

Aveva risposto al mio messaggio e, adesso, era qui con me.
Sussurrò il mio nome e insieme ci abbandonammo a quel piacere tanto agognato. «Non permetterò a nessuno di portarti via da me.», disse in un sussurro.

Sfiorai la sua guancia, guardando il suo viso debolmente illuminato.

Riuscii a scorgere i suoi occhi che brillavano.

«Lucas…», sussurrai.

E mi baciò dolcemente, tenendomi stretta a se.

the end

TROVATE QUI I CAPITOLI PRECEDENTI

 

Questo racconto inedito pubblicato a puntate è opera di fantasia in esclusiva per il sito 50 Sfumature Italia.

© Riproduzione riservata. Proprietà intellettuale dell’autrice Helena Evelyn. Vietata la riproduzione di questi contenuti o parte di essi.

Se vuoi inviarci la tua Fan Fiction a puntate o un tuo racconto inedito leggi il regolamento cliccando QUI. Tutti i lavori dovranno essere in esclusiva, non saranno accettati lavori scritti da minorenni.

 

15 commenti

  1. Denny

    Ma no dai!! Io pensavo nel finale scegliesse Andrew! Mi aspettavo un finale del tutto diverso! Se nel capitolo precedente Andrew diceva che avrebbe fatto di tutto per averla sua cosa è successo per far finire il capitolo così?

    • Mihaela

      Anch’io la pensavo così…. Come mai ha scelto Lucas??… Ci hai lasciate piene di domande….

  2. Maria

    Ma Andrew ha accettato la proposta di matrimonio? Non è che Leoni ha voluto fare un favore al figlioletto visto che la proposta arriva giusto al suo ritorno?

  3. Helena Evelyn

    Buongiorno a tutte 🙂
    Anche il finale è un mistero. Amanda aveva scelto Lucas, ma in cuor suo sperava che le parole di Andrew fossero vere, ma…Ma Leonie con la sua proposta spiazza tutto. Quello che sto cercando di dirvi è che, forse, non è tutto finito per sempre. Un giorno magari continuerà svelando anche questo mistero.

  4. Loredana

    Ah!!!! Non me lo aspettavo ero convinta che avesse scelto Andrew ed invece sorpresa Lucas, va bene tanto sono convinta che non finisce qui.Grazie Helena Evelyn per la compagnia spero a presto con un nuovo racconto…magari il continuo di questa storia 🙂

  5. Rosy ♥

    Ma no daiiiiiiiiiiiiiii…
    Non può finire così!!!
    Non mi interessa che abbia scelto Lucas ma vorrei sapere almeno cosa è successo ad Andrew. Perché ha rinunciato ad Amanda put avendole detto che avrebbe fatto qualsiasi cosa per averla??? Ha accettato di sposare Leonie o no???
    Infondo non colpevolizzerei Amanda per aver fatto la scelta più facile, dopotutto Lucas le da sicurezza, Andrew è un’incognita.
    Helena ti prego illuminami!!!
    Grazie per questo racconto <3

  6. Helena Evelyn

    Rosy, è un incognita! Se mai ci sarà un seguito lo scopriremo 😀

    • Rosy ♥

      Sadica Helena 😀
      Beh spero proseguirai con questa storia è ovviamente di poterla leggere qui 😉

      • Rosy ♥

        Ops 😀 c’è un accento di troppo 😀

  7. Lele

    Ma noooo!!! Io pensavo fosse Andrew e non Lucas. Spero proprio in un seguito perché ci sono troppi punti interrogativi. Cmq complimenti Helena con questo finale secondo me hai spiazzato tutti. Bel colpo di scena! 😉

  8. Ida

    Mano, mano che leggevo avevo la consapevolezza che quell’uomo appassionato fosse Lucas .
    Mi è piaciuto questo finale. Lucas merita più di Andrew l’amore di Amanda. Almeno, per me.
    D’altra parte Leonie ha avuto un ruolo importante nella vita di Andrew, quindi, anche lui preferisce l’amore perverso di lei e non avrebbe facilmente rinunciato a tutto quello che lei gli ha offerto.
    Brava, Helena. Mi è piaciuto il tuo racconto.
    Ciao, a presto.

  9. Alessia

    Allora le mie considerazioni non sono tanto positive…sin dall’inizio del racconto ho avuto difficoltà nel capire gli eventi. mi è parso tutto difficile gli avvenimenti, i sentimenti dei personaggi ecc. non so voi ma a me questo racconto non mi ha colpito molto. speravo in un finale scritto in maniera diversa o con un colpo di scena non so. mi sembra scritto con tanta fretta e cosa che non capisco di questo capitolo sono i collegamenti con la richiesta di matrimonio di leonie e poi con la scelta di Lucas. non capisco quale collegamento ci sia…e poi ci hai lasciate con il dubbio di andrew…sposa o no leonie? lei come lo dice ad andrew che è Lucas la scelta? quali sono le reazioni di entrambi? qual è la reazione di Lucas nel momento in cui lei gli dice di averlo scelto? tanti dubbi…mi dispiace ma mi aspettavo di meglio. spero di sentirti di nuovo con un racconto..a presto 🙂

    • Chiara2607

      La penso esattamente come te…per me questo racconto, anche se ben scritto, non ha tanto senso, nei primi capitoli non si capisce niente, la storia vera è cominciata da quanto? 5/6 capitoli?? Sembra tutto molto buttato là! Speriamo che il continuo, se ci sarà, sia migliore, perchè scrivi davvero bene!!

  10. Giusy

    concordo con alessia su tutto.troppe cose rimaste in sospeso e non chiarite.speriamo ci sara’ davvero un seguito .

  11. Romina

    Io sono felicissima che abbia scelto Lucas!!!!!!!!! Anzitutto gli è stato sempre vicino è sempre presente nonostante lei non gli avesse promesso nulla e comunque lui gli ha sempre dimostrato di tenerci a lei, non ho solo capito perché non la ha avvisata che non andava a prenderla alla stazione …..ma è un dettagli ed il passaggio dall’uscita da casa di Andrew al loro incontro …… Io fino alla fine quando lo ha chiamato ore nome temevo che fosse Andrew e quindi scoprire invece che non lo era mi ha davvero rallegrata! Andrew non l’avrebbe mai resa felice, purtroppo per lui ha un passato nonché un presente che è un fardello al quale è legato mani e piedi e nonostante diceva di volere lei poi alla fine mi pare che facesse ben poco per realizzarlo, il suo futuro è Leonie, purtroppo per lui perché hanno un rapporto insano ma forse è l’unico che conoscono è che li appaga …….forse l’amore (se ancora sa cosa sia perché per me era solo possesso) non può arrivare a scalfire una cosa che è talmente radicata in lui da essere impossibile da cambiare, però mi sarebbe piaciuto che gli avesse spiegato la sua decisione ti sposare Leonie, credo almeno che glielo dovesse…..ed anche a noi che praticamente abbiamo più seguito la loro di storia che quella con Lucas! Storia complicata ……a volte difficile, però con un lieto fine, almeno per me ha avuto il lieto fine che auspicavo!