Nuova intervista al marito di E L James che sta promuovendo il suo libro ‘Crusher‘ tratta dal sito crimefictionlover.com :

The Guardian lo ha chiamato il sig 50 Sfumature, ma il marito di EL James Niall Leonard è uno scrittore già conosciuto nell’ambiente. Ha lavorato a numerose sceneggiature televisive ma l’anno scorso ha preso parte alla ‘National November Writing Month, la sfida consisteva nello scrivere un romanzo in un mese. ‘Crusher’ è il risultato dei suoi sforzi e in settembre di questo anno il libro è stato pubblicato dalla ‘Random House’ – la stessa di sua moglie.

Ambientato a Londra, è un intrigante crime thriller per adulti interpretato da Finn Maguire, un giovane delinquente dislessico che sta investigando sull’omicidio del padre.

Noi abbiamo invitato questo nuovo autore al ‘Crime Fiction Lover’, per chiedergli come sè è avvicinato al genere.

.

Tu sei uno sceneggiatore di successo con una lunga lista di crediti, comprensivi di Hornblow, Wire in the Blood e Monarch of the Glen. Che cosa ti ha fatto decidere di scrivere un romanzo poliziesco?


Scrivere per la televisione significa far parte di una collaborazione, con un sacco di persone diverse, e come scrittore non resta che sperare che l’emozione che in origine volevi trasmettere renda sullo schermo. Questo lavoro è ben remunerativo, e ‘un po’ glamour – nel senso che le persone al di fuori del settore pensano che sia glamour – ma ogni autore TV desidera segretamente di poter raccontare la storia che vorrebbe raccontare, con nessun altro, io avevo in mente di farlo per anni, e Crusher è stato il mio primo tentativo di successo.

 

Hai trovato più difficile scrivere un romanzo rispetto ad una sceneggiatura? Cosa c’è di diverso?
E ‘una regola di sceneggiatura che l’azione è carattere. I tuoi personaggi sono definiti da ciò che fanno, e questo è in gran parte vero perché non vi è alcun modo per il pubblico di vedere dentro la loro testa e capire il filo del discorso – si devono esprimere i loro pensieri e le loro emozioni esternamente e visivamente. E ‘una bella sfida, divertente ma è anche restrittiva la cosa. Con un romanzo si ha totale libertà. .I Romanzi offrono, in teoria, la libertà totale, ma la libertà totale può essere intimidatoria. Se si riesce a rappresentare i tuoi pensieri in qualsiasi momento o luogo da dove si inizia?
Tua moglie è EL James, la donna famosa per la trilogia ‘Cinquanta Sfumature’ Come romanzieri c’è competizione tra voi? Ti ha dato qualche consiglio su come scrivere un romanzo?
Non c’è competizione per niente tra di noi, che è un bene, perché mi sarei sicuramente perso contro un best-seller famosoin tutto il mondo come ‘Cinquanta Sfumature’. Mia moglie ed io pensiamo e scriviamo in modi molto diversi, così abbiamo smesso da tempo di cercare di risolvere i reciproci problemi di scrittura. Ci offriamo l’un con l’altro  incoraggiamento e sostegno. Il miglior consiglio che Erika  mi ha dato è quello di credere nella  storia e nei suoi personaggi e lasciare che ciò vi porti in un viaggio. Fintanto che si è  fedeli a se stessi non si può sbagliare andare troppo lontano.
Crusher è nato quando hai preso parte all’evento 2011 scrittura di romanzi ‘NaNoWriMo’. Quali sono state le sfide di scrivere un libro entro un mese, e  sei stato sorpreso quando è stato pubblicato da Random House?
La più grande sfida di scrivere un libro in un mese è trovare lo spazio nella vostra giornata per scrivere e non lasciarsi distrarre dalle sciocchezze di tutti i giorni come cucinare o lampadine da cambiare. Può rendere la vita di tutti i giorni molto complicata, se la tua famiglia conta su di te per cucinare o cambiare lampadine, ma hey, è per questo che i pasti takeaway e le torce elettriche sono state inventate! La maggior parte degli scrittori TV lavorano comunque per un calendario serrato, quindi in realtà scrivere un libro in un mese è stato molto vicino al modo in cui ero già abituato a lavorare. Detto questo, sono rimasto stupito quando ho scoperto che ‘Random House’ voleva pubblicare ‘Crusher’. Avevo scritto il libro unicamente per me stesso. Essere parte di un’organizzazione come Random House, le cui persone sono così piene di eccitazione e l’entusiasmo dei libri e dei loro scrittori è un cambiamento rinfrescante dal mondo piuttosto cinico ed effimero della televisione e del cinema.
Ci sono alcuni degli autori di romanzi gialli  che hanno ti ispirato, e perché?
Ho letto un sacco di Raymond Chandler, prima ho iniziato a scrivere Crusher perché volevo un po ‘di quel cinismo, quella solitudine, quel senso di fare la cosa giusta perché è la cosa giusta da fare’. Il genere è spesso satira, ma non avevo voglia di scrivere una satira, ho voluto reinventare il romanzo gumshoe in un contesto moderno, dove ognuno ha i telefoni cellulari e non si puo inseguire le persone in auto perché il traffico lo rende impossibile.
A parte questo, non ho letto un sacco su questo genere. Gli scrittori dovrebbero leggere un pò di tutto, e rubare materiale da tutti i tipi di generi, come gazze.
Quali sono i progetti per te?
Prossimamente per me c’è la scrittura di un sequel di ‘Crusher’, tengo le dita incrociate sperando che funzioni, anche se questo lo renderebbe difficile da scrivere …