Questo articolo è proprietà intellettuale di 50 sfumature Italia, se lo state leggendo su un altro sito che non sia quello appena citato significa grave violazione dei diritti d’autore quindi anche del copyright.

Il nuovo capitolo della Fan Fiction dal punto di vista di Christian Grey di Eleonora. 

Il racconto di questa autrice parte da “50 Sfumature di Nero.”  Potete trovare QUI il terzo capitolo. Fan Fiction (POV CG) di proprietà intellettuale di Eleonora in esclusiva per questo sito. Questo racconto pubblicato a puntate è opera di fantasia di una fan della trilogia ’50 Sfumature di Grigio’ alla quale si è ispirata ed è nato come prosieguo della stessa. Non è stato scritto da E L James.

Per non confondervi seguite l’immagine: ad ogni autrice viene abbinata un’immagine differente.

[warning]Lettura destinata ad un pubblico di soli adulti. Questo sito non si assume la responsabilità di lettura da parte di minori[/warning]

4° CAPITOLO

Continuiamo a camminare,la mano dell’uno stretta a quella dell’altra,fino ad un ristorante piccolo,intimo. Reggo la porta d’ingresso mentre Anastasia entra e le tengo premuta una mano sulla base della schiena,lei ha un piccolo fremito al contatto con le mie dita e ciò non fa altro che attizzare la fiamma del mio desiderio.

La osservo mentre si accomoda elegantemente davanti a me. E’ tesa,ansiosa si tormenta un ciocca di capelli tra le dita mentre io mi prendo qualche istante per ammirarla.

La sua pelle è candida,ora priva di quel rossore tanto appassionante,il suo viso è illuminato dai bellissimi occhi,azzurri,profondi,sconcertanti nella purezza dello sguardo che mi rivolge.

Non c’e’ traccia di menzogna o d’inganno in quegli occhi ,ma sono stanchi,provati dalla sofferenza,cerchiati da orrende occhiaie per le troppe lacrime versate … Per me e per via dell’incubo in cui siamo piombati negli ultimi cinque giorni.

La sua bocca … Ah la sua bocca … E’ dolce nell’espressione,le sue labbra sono piene,così morbide,provocanti.Chiudo gli occhi ricordando il sapore del bacio violento di poco prima e mi passo istintivamente la lingua sulle labbra ,continuando ad avvertirlo e a pensare a dove sono state quelle sue labbra non più di qualche tempo fa .Tra le mie gambe. Mentre si prendevano con forza e passione tutto quello che avevo da dare .

Scuoto la testa schiarendomi le idee e continuando a fissarla rapito finchè non  arriva un fin troppo premuroso cameriere che si avvicina troppo ad Anastasia e non riesce a staccarle gli occhi di dosso.

“E che cazzo!”penso mentre lo vedo sbavarle sopra ma fortunatamente lei è troppo impegnata ad osservare me per accorgersene.

Faccio in fretta le ordinazioni per farlo allontanare e riporto la mia attenzione sulla splendida,irritante ed estremamente frustrante donna che mi sta di fronte.

<<E se a me la bistecca non piacesse?>>domanda acida.

“Oh bene,dunque VUOI farmi incazzare. “

Faccio un respiro profondo per calmarmi mentre un inopportuna erezione torna a farmi visita,causata dalla sfida di Ana, nonostante l’irritazione.

<<Non cominciare Anastasia.>>

<<Non sono una bambina Christian …>>colgo un velo di rabbia.

<<E allora smettila di comportarti come se lo fossi >>la rimprovero.

<<Sono una bambina perché non mi piace la bistecca?>>E’ sempre più acida quasi non riesco a darmi un freno per la voglia che ho di tapparle la bocca …

<<Sei una bambina perché hai deliberatamente tentato di farmi ingelosire,è un comportamento infantile lo sai?Non hai alcuna considerazione dei sentimenti del tuo amico provocandolo in quel modo?>>

Già,e se fosse capitato a me?

Se lei mi avesse stretto così a sé e al suo bellissimo corpo e poi fosse andata via in quel modo?

Con un altro uomo?

Stringo forte i denti a quel pensiero.

Ma forse lo aveva fatto per vedere se m’importava qualcosa di lei …

La vedo arrossire rendendosi conto dell’errore.

Eravamo entrambi ai suoi piedi e il mio comportamento di sabato di sicuro aveva dato a Josè un bel vantaggio … Facendo l’amico avrebbe potuto consolarla,avvicinarsi a lei … Troppo.

Già ma forse non sarebbe stata una cattiva idea … un bravo ragazzo, semplice, che la conosce bene ed è innamorato di lei , molto diverso da me .

Il cameriere interrompe le mie fantasticherie con la lista dei vini .Guardo lei.

<<Vuoi scegliere tu il vino?>>chiedo troppo dolcemente.

<<Scegli tu.>>risponde imbronciata risultando ancora più bella … e intanto il cameriere continua a guardarla.

“Cazzo!Ma come ho fatto a pensare di lasciarla andare  se non riesco a tollerare che un altro uomo la guardi?Figuriamoci cosa potrei fare se qualcuno la toccasse!”

<<Sei molto scontroso.>>

<<Mi domando il perché.>>

In questo momento vorrei solamente chiuderla a chiave da qualche parte ,nasconderti al mondo per avere solo io il privilegio di guardarti e poi entrare nel tuo letto e non uscire mai da lì, almeno finchè non avremmo risolto le cose tra noi … Ma non posso farlo … E’ quello che mi fa incazzare di più.

All’improvviso il suo viso si addolcisce teneramente e mi si ferma per un attimo il cuore.

<<Bé,sarebbe il caso di assumere il giusto tono per avere un’intima e onesta discussione sul futuro ,non credi?>>

Il suo sorriso smorza quella tangibile barriera di tensione fra noi e fa sorridere anche me …

“Ok, sono uno stronzo,hai ragione!”

<<Mi dispiace.>>sussurro imbarazzato<<Ana , io sono un po’ nervoso.L’ultima volta che ci siamo parlati tu … Tu mi hai lasciato,ti ho detto che ti rivoglio e tu … tu non hai replicato. >>

“Dammi una risposta.Ti prego.”

In un attimo vedo la sua dolcezza accomodante svanire sostituita da una convinzione inflessibile e penosamente dolorosa .Quando parla la sua voce e atona , spenta .

<<Mi sei mancato,sul serio Christian … Gli ultimi giorni sono stati … difficili,ma non è cambiato niente, non posso essere quella che vuoi che tu sia.>>

<<Tu sei quella che voglio che tu sia!>> esclamo talmente forte da far voltare alcune persone agli altri tavoli.

Lei scuote la testa<<No Christian ,non lo sono.>>Gli occhi chiusi con forza.

Mi si spezza il cuore.

Il dolore sul suo viso.

<<Sei turbata per via di quello che è successo l’ultima volta … io mi sono comportato da stupido..e tu …>>Un pensiero mi colpisce all’improvviso<< … anche tu. Perché non hai usato la safeword Anastasia?>>

Sbarra gli occhi,fissandomi <<Rispondi,perché?>>

Dio!Se l’avesse fatto avremo potuto risparmiarci tutto questo … Ma forse non avrei capito quanto mi sarebbe mancata se non mi avesse lasciato. Forse dovrei essere grato a questa situazione?

<<NON lo so … Ero sopraffatta … Stavo cercando di essere quelle che volevi che fossi..  Capisci … Me ne sono dimenticata …>>

Si stringe nelle spalle, semplicemente.

La rabbia che provo in quel momento mi fa afferrare i bordi del tavolo.

<<Te ne sei dimenticata!>> Ringhio a denti stretti. Lei mi aveva detto di portarla al limite e io l’avevo accontentata me perché non mi aveva fermato?

Non posso pensare che avesse previsto tutto questo.

Perché non mi aveva fermato? Continuo a chiedermi.

Poi capisco .

Non avevo tenuto conto delle ragioni che l’avevano spinta a chiedermi una cosa del genere.Non lo aveva fatto solo per dimostrarmi di fidarsi di me o per conoscere veramente un suo limite.Lo aveva fatto per me.Per spingermi a fidarmi di lei.Ma avrebbe funzionato se non fosse scappata via da me dopo.

Forse.

E ora io come potevo riconquistare la sua fiducia?Come posso io stesso fidarmi di lei se non era capace di fermarmi quando andavo troppo oltre?

<<Come posso fidarmi di te? Come potrò mai fidarmi?>>

“Perche mi vuoi conoscere Anastasia?Cosa ti spinge a voler esplorare in profondità il buio della mia anima?Ti rovinerò … così come le altre … Non voglio che tu conosca quella parte di me. Non posso farti questo …”

Il ragazzo torna con il vino,so che la sta guardando, ma lei tiene gli occhi nei miei,il suo sguardo è desolato.

Distoglie lo sguardo,lievemente arrossita beve un sorso di vino colorandosi appena le labbra.

<<Mi dispiace. >> sussurra

<<Ti dispiace per cosa?>>

<<Per non aver usato la safeword …>>

Sospiro,chiudendo gli occhi “Potremmo mai ricominciare tutto da capo?”

<<Avremo potuto risparmiarci tutta questa sofferenza.>>

<<Tu hai un bell’aspetto.>>commenta apprezzandomi ma non riesco a compiacermene.

<<Le apparenze possono ingannare.Sto tutt’altro che bene.Mi sento come se il sole fosse tramontato e non sorgesse più da cinque giorni, Ana.Vivo in una notte perpetua.>>

Ispira profondamente a bocca socchiusa,colpita.

<<Hai detto che non te ne saresti mai andata. Poi le cose sono peggiorate e tu eri fuori dalla porta.>>Non riesco a trattenere lo strazio che sento dentro.

<<Quando ho detto che non me ne sarei mai andata?>>

<<Mentre dormivi … E’ stata la cosa più confortante che abbia mai provato da lungo tempo. Mi ha fatto sentire rilassato.>>

“ E amato.”

<<Hai detto che mi ami,ora è una frase al passato?>>

“Non so cosa farei se ora mi dicessi che non è vero oppure che non mi vuoi più vedere.”

Mi guarda negli occhi.

<<No,Christian,non lo è …>>

L’ondata di sollievo mi fa quasi vacillare,forse abbiamo affrontato la parte più dura …

Arrivano i piatti e lei guarda il cibo con una smorfia.

<<Per l’amor del cielo Anastasia se non mangi ti metterò sulle mie ginocchia e la cosa non avrà niente a che fare con il mio piacere sessuale.Mangia!>>

Sorride.

<<Okay,mangerò.Tieni a freno le tue mani che prudono per favore.>>

“Per forza dovrò aspettare che tu abbia messo su qualche chiletto prima di sculacciarti di nuovo altrimenti mi potrei fare male colpendoti le ossa.”

Mi viene in mente come potrei stuzzicare il suo appetito … Abbiamo cinque notti di sesso da recuperare e in un modo o nell’altro non mi sfuggirai …

Guardo l’ora,è già tardi.Chiamo Taylor per farci venire a prendere.

<<Sei molto brusco con Taylor, in realtà lo sei con molte persone>>osserva Ana

<<Arrivo al dunque velocemente Anastasia.>>

<<Stasera non sei arrivato al dunque,non è cambiato niente Christian.>>

<<Ho una proposta da farti.>>

<<Tutto questo è cominciato con una proposta.>> E’ l’amara verità.

<<Una proposta diversa …>>

Nervoso più che mai pago il conto e la scorto fuori dove ci aspetta il SUV. Dopo aver detto a Taylor degli auricolari salgo accanto a lei,avvicinandomi il suo profumo mi avvolge ,stordendomi come fosse un potente feromone.

<<Prima desidero chiederti una cosa.Vuoi una regolare relazione vaniglia senza alcun tipo di sesso estremo?>>

Sussulta coprendosi la bocca con la mano,il viso il fiamme.Mi eccita da morire.

<<Mi piace il tuo sesso estremo …>> la sua voce è debole ma roca e follemente sensuale.

<<Perciò cosa non ti piace?>>

<<La minaccia di punizioni crudeli e insolite … tutte quelle verghe ,quelle fruste ,quella roba che hai nella stanza dei giochi … mi spaventano a morte,non voglio che le usi su di me.>>

“Ora capisco.”

<<Fondamentalmente Christian è la tua gioia nell’infliggermi dolore che mi riesce difficile da gestire e l’idea che tu me lo infliggerai perche ho oltrepassato un limite arbitrario.>>

“Non capisco più.”

<<Ma non è arbitrario le regole sono scritte.>>

<<Io non voglio una serie di regole.>>

“Sarà complicato e fastidioso.”

<<Non ne vuoi affatto?>>

<<Niente regole.>>

“Scappa finchè sei in tempo Grey questa donna pretende troppo da te.”

No.In realtà lei non mi sta chiedendo niente. Era andata via.Sono stato io a volerla di nuovo con me.

<<Ma non ti dà fastidio se ti sculaccio?>>dammi almeno questo Ana ti prego.

<<Se mi sculacci con cosa?>>chiede preoccupata.

Alzo la mano <<Con questa.>>

Si agita,inquieta,sul sedile.

Per la prima volta in vita mia vorrei essere un sedile .

<<No,non veramente … soprattutto con quelle sfere d’argento …>>Geme piano e mi ritorna alla mente il pensiero della notte …

<<Si,è stato divertente … quindi riesci a superare un po’ di dolore?>>

<<Suppongo di si.>> Ma non è sicura.

Ora mi è tutto abbastanza chiaro …

<<Anastasia voglio ricominciare tutto daccapo con te.Limitarci al sesso vaniglia e poi quando tu ti fiderai di più di me e io confiderò che tu sia sincera e comunichi con me allora potremo andare oltre e fare alcune delle cose che mi piacciono.>>

E’ un’offerta che non puoi rifiutare Steele ,non mi potrei abbassare ulteriormente …

Mi guarda a bocca aperta<<Ma le punizioni?>>

<<Nessuna punizione.>>

<<E le regole?>>

<<Nessuna regola.>>La rassicuro.

<<Nessuna?Ma tu hai dei bisogni!>>E’ sconvolta.

Non ho bisogno di altro che te …

<<Ho più bisogno di te Anastasia,>>Ansimo ,cercando di scacciare il dolore provato negli ultimi giorni<<Il mio istinto mi diceva di lasciarti andare … che non ti meritavo … quelle foto che il ragazzo ti ha fatto … riesco a capire come lui ti vede: sembri serena e bellissima … non che tu non sia bellissima ora ma sei qui e vedo la tua pena ed è dura sapendo che sono io quello che ti fa sentire cosi>> faccio una pausa colpito dalla scintilla di speranza che vedo nei suoi occhi <<Sono un uomo egoista ti ho desiderata fin da quando sei capitata nel mio ufficio …>>Sei tutto per me …<<Ti voglio e il pensiero che un altro possa averti è come un coltello che lacera la mia anima oscura>>

Si avvicina a me le sue ginocchia toccano le mie me devo resistere all’impulso irrefrenabile di stringerla ,inizia a parlarmi ,la scintilla di speranza che prima ho visto nei suoi occhi si riflette nella sua voce.

<<Tu non mi hai mai mentito … io non mi sono impegnata molto e sabato è stato uno shock per me perché ho capito che non potevo essere la persona che volevi che io fossi.Poi quando ti ho lasciato mi sono resa conto che il dolore fisico che m infliggevi non era niente in confronto a quello che provavo avendoti perso … Non ho mai saputo quello che pensi,a volte sei così chiuso,come un isola.M’intimidisci e non mi permetti di toccarti mentre io desidero così tanto mostrarti quanto ti amo>>

Rabbrividisco dall’emozione del sentirle dire per la seconda volta che mi ama , incapace di dire una parola per via del nodo in gola .

Lei non mi sta chiedendo altro che permetterle di amarmi.Un dolore diverso mi si diffonde nel petto,sbatto in fretta le palpebre cacciando indietro delle lacrime di gioia.

Lei si sgancia la cintura e viene a sedersi sulle mie ginocchia prendendomi il viso tra le mani.

Mi guarda negli occhi.

<<Io ti amo Christian Grey e tu sei pronto a fare tutto questo per me allora sono io quella che non ti merita …>>  Le trema la voce e io temo di far esplodere tutte le emozioni che mi dilaniano .La stringo a me nascondendo il viso nel suo collo impedendole di vedermi le guance rigate dalle lacrime.

<<Oh Ana >>sospiro,godendomi il suo abbraccio.Respirando il suo amore,il sollievo del ricongiungimento e della pace …

 

<<Il toccare è un limite assoluto per me Anastasia>>

<<Lo so … vorrei capire perché>>

E io … Ricordo … Ricordo tutto.Le botte,il dolore,i calci,la fame,la disperazione di quei giorni … Rabbrividisco e lei mi tiene ancora più stretto avvolgendomi con il suo calore,scacciando le ombre del passato e forse anche le paure del futuro … Mentre viaggiamo nel buio in realtà mi sembra di correre verso la luce.

Continua …

 

Fine 4°capitolo

 

Vietata la riproduzione di questi contenuti.

 

Se vuoi inviarci la tua Fan Fiction a puntate leggi il regolamento cliccando QUI. Tutti i lavori dovranno essere in esclusiva, non saranno accettati lavori scritti da minorenni.

21 commenti

  1. francesca

    veramente brava……..aspetto il prossimo capitolo con trepidazione!!!!!!

  2. Adry

    Complimenti…….è veramente bella continua così!!!!!

  3. Emy81

    Complimentiiiiiiii Eleonora sei bravissima.

  4. Luana

    Stupendo……!!!!! Bravissima…. veramente molto molto…. non vedo l’ora di leggere gli altri capitoli!!!!!!! Non farci aspettare tantoooooo…. controllo ogni giorno il sito!!!!!!!!! Ti faccio di nuovo i miei complimenti!!!! BRAVA! !!

  5. Elisa-amore

    Sei stata bravissima….l’ho letto tutto d’un fiato…brava brava brava. Anche io aspetto il prossimo!!!

  6. Cocco

    È veramente piacere leggere quello che scrivi!! Descrivi perfettamente le situazioni le emozioni..tutto! Complimenti!

  7. *sa*

    Assolutamente la mia fan art preferita! Molto bella e appassionante! L’unico difetto è che l’attesa è lunga…ma ne vale la pena!

  8. mathilde

    Brava come sempre Eleonora 🙂 Era un passaggio complesso questo ma secondo me tu hai saputo interpretare perfettamente le sensazioni e le contraddizioni di Christian. Chapeau !

  9. eleonora

    Forse vi potrei fare un regalino nel fine settimana con la collaborazione delle ragazze del sito…forse… forse…

  10. mathilde

    C’è una cosa in 50 sfumature di nero che non ho mai capito, Un particolare che non mi è mai stato chiaro.
    Chissà se, quando ci arriverai , riuscirai tu a svelare l’arcano …
    Buon lavoro. Aspettiamo la sorpresa 🙂

  11. eleonora

    arcano?ti prego chiariscimi le idee sono curiosa!cosa cè di misterioso?

    • mathilde

      Eleonora? Dunque: niente sorpresa per il fine settimana. Peccato 🙁
      Per quanto riguarda l’arcano … ho usato in effetti una parola grossa. Diciamo che si tratta di una di quelle cose non precisate, come capita di leggere nei gialli, per cui ti chiedi ” E lì come ci siamo arrivati ” ? Perché ti manca una spiegazione logica … Tutto qui ma, eventualmente ne parleremo quando tratterai quel passaggio. Si tratta di Leyla e io sono curiosissima di leggere come ci racconterai il punto di vista di Christian rispetto a Leyla che nel libro che stai elaborando tu, è una figura assolutamente non marginale.
      Buon lavoro e scusa il discorso colloquiale che mi sono permessa.
      Sono bravissima anche ad interrompere immediatamente se questo è inopportuno o fuori contesto 🙂

  12. eleonora

    si mi dispiace di avervi deluse ma le ragazze del sito hanno ragione a dare un uscita settimanale a ogni fan fiction mi sembrerebbe di offendere le altre .comunque il 5° è stato inviato sabato uscira penso domani o dopodomani

  13. Pingback: Nuova Fan Fiction! 50 Sfumature di Nero! 5° capitolo | 50 Sfumature Italia

  14. sara

    ciao…. per prima cosa ti faccio i complinenti per la tua bravura…
    poi volevo chiederti se il 5 capitolo è gia stato pubblicato perche nn lo trovo 🙁