E’ in arrivo, per la gioia di noi instancabili lettrici, una nuova frizzante serie targata Newton Compton.

 

A partire dal prossimo 21 novembre troverete, sempre disponibile nella doppia versione cartacea e digitale, “Non Cercarmi Mai Più” – titolo originale “Tangled”- primo episodio della “The Tangled Series.”

Il particolare che ha suscitato la mia attenzione è che al dare il via alla serie sarà la voce narrante del protagonista maschile.

Oltre a questo romanzo la serie è composta da “Twisted”, dove la voce narrante sarà quella femminile, e “Tammed”, dove i protagonisti saranno Matthew – migliore amico di Drew – e Dee Dee. A questi si uniscono le due novelle “Tangled Extra Scene”, che racconta la vita della coppia,  e “Holy Frigging Matrimony” che si svolge un anno dopo ed è sempre dal punto di vista maschile.

50sfumatureitalia.itIl romanzo segna l’esordio su carta stampata dell’autrice americana Emma Chase, che evidentemente, molto attenta ai gusti delle lettrici ha deciso di svelare come prima cosa i segreti più reconditi dell’universo maschile.

Che poi così segreti se vogliamo non sono, diciamo solo che noi donne preferiamo non sentirli.

Si! Perchè il protagonista maschile di questo romanzo è il classico stronzo da evitare come la peste, ma per cui tutte le donne, puntualmente, impazziscono. Ma andiamo a fare la sua conoscenza.

Lui è Drew Evans, bellissimo, arrogante, presuntuoso e, perdonate il francesismo, il più grande figlio di puttana mai esistito! Incallito donnaiolo ha uno stuolo di donne ai suoi piedi e senza neanche faticare più di tanto.

“Non ho mai dovuto sedurre una donna. E’ scioccante, lo so. Ma vorrei chiarire, non ho mai avuto bisogno di sedurre una donna prima, non nel senso tipico. Di solito basta un occhiata, strizzare l’occhio, un sorriso. Un saluto amichevole, forse un drink o due. Dopo di che, l’unico scambio verbale comporta brevi frasi di qualche parola come più forte, ancora, più in basso e….. si arriva al dunque.”

 Ma Drew ha anche le sue regole: mai fare sesso con colleghe di lavoro.

“Non si scopa in ufficio. Io non sputo nel piatto dove mangio, non fotto dove lavoro. Lasciando perdere le questioni sulle molestie sessuali, ma non è una bella cosa. E’ poco professionale.”

 Un ragazzo ligio al dovere non c’è che dire. Non lesina neanche esprimere il suo punto di vista su come vede le donne, potremmo quasi definirla una…..giustificazione al comportamento maschile.

“Ancora una volta, per voi signore là fuori – questo è il fatto: gli uomini più o meno hanno in mente il sesso 24 ore su 24. La cifra esatta è tipo ogni 5,2 secondi o qualche cazzata del genere. Il punto è che quando chiedete:”Che cosa vuoi per cena?” noi stiamo pensando a come sbattervi sul bancone della cucina. Quando ci state raccontando del film sdolcinato che avete visto la settimana scorsa con le vostre amiche, noi pensiamo al porno che abbiamo visto sulla tv via cavo ieri sera. Quando ci mostrate le scarpe firmate che avete comprato ai saldi, noi pensiamo come sarebbe bello averle sulle nostre spalle. Ho solo pensato che avreste voluto saperlo. Ambasciator non porta pena.”

50sfumatureitalia.it

 Del resto a sbagliare, secondo Drew, siamo sempre noi donne perchè quando un uomo si avvicina noi già nella nostra mente sogniamo lo steccato bianco, scegliamo l’abito da sposa, i nomi per i futuri figli, insomma il pacchetto completo mentre invece……

“Un ragazzo che hai appena incontrato in un club ti chiama piccola, tesoro, angelo o con qualsiasi altro vezzeggiativo generico? Non fate l’errore di credere che sia già preso da voi, o che sta già pensando ai nomi di eventuali animali domestici. In realtà è perchè non può o non gli importa  ricordare il vostro vero nome.”

 E se state pensando che in fin dei conti gli uomini non sono tutti uguali Drew, un pozzo di saggezza, vi mette in guardia.

“Tutti i ragazzi parlano con gli amici di sesso. Se un ragazzo vi dice che non lo fa? Scaricatelo, perché sta mentendo.”

 Ma poi sul suo cammino arriva lei: la bellissima Kate, l’unica che non cede al suo fascino. Conosciuta in un club diventa la sua ossessione. Perchè Kate non è una qualunque, è anche una collega.

Le regole così a lungo seguite diventano il suo tormento e lavorare fianco a fianco una continua tortura.

Tangled

 “Mi viene voglia di baciarla e strangolarla allo stesso tempo. Non sono mai stato un patito del S&M, ma sto cominciando a vederne gli aspetti positivi.”

 Ma se fino a quel momento a Drew erano bastate moine e vezzeggiativi per conquistare le sue prede con Kate la faccenda diventa decisamente più complicata.

“Se dobbiamo lavorare insieme, Drew, penso sia necessario chiarire alcuni punti. Io non sono il tuo tesoro. Il mio nome è Kate. Usalo.”

 Kate è una donna forte, ambiziosa e determinata a far carriera, la competizione tra i due scatena scontri verbali che, come nella migliore tradizione, sono in realtà preliminari destinati a sfociare in una passione dirompente e questa volta ad uscirne con le ossa rotte non sarà lei.

“Le donne si innamorano più velocemente rispetto agli uomini. Più facilmente e più spesso. Ma quando succede ai ragazzi? Ci andiamo giù più duri. E quando le cose si mettono male? Quando non dipende da noi la parola fine? Noi non ce ne andiamo. Noi strisciamo.”

 Definito dalle lettrici d’oltreoceano una commedia piccante ed esilarante, ironico come “Wallbarger” ed affascinante come “Beautiful Bastard.”  Ed avendo letto entrambi posso garantirvi che mi aspetto letteralmente i fuochi d’artificio 😉

 

TRAMA:

Drew Evans è bello e arrogante, fa affari multimilionari nella società di famiglia e seduce le donne più belle di New York con un semplice sorriso. Allora perché è stato per sette giorni con le imposte chiuse nel suo appartamento, triste e depresso? Lui risponderebbe per via dell’influenza. Ma noi sappiamo per certo che non è proprio la verità.
Katherine Brooks è brillante, bella e ambiziosa. Quando Kate viene assunta come nuova associata presso l’impresa di investimento bancario del padre di Drew, il focoso playboy entra in tilt. La competizione professionale che si stabilisce tra i due mette in crisi Drew, l’attrazione per lei è fonte di distrazione e soprattutto portarsela a letto sembra una missione impossibile.
Non cercarmi mai più è il racconto privato, scandaloso e spiritosissimo di un casanova impenitente. Ma, mentre racconta la sua storia, Drew capisce finalmente che l’unica cosa che non aveva mai voluto nella vita, è l’unica di cui adesso non può più fare a meno.

 DISPONIBILE SU AMAZON ANDANDO QUI

 

 TANGLED

 

ESTRATTO:

Vedete quello zozzo e irsuto ammasso sul divano? Il tipo con la maglietta grigia e sporca e i pantaloni della tuta strappati?
Sono io, Drew Evans.
Di solito non sono così. Insomma, quello non è il vero Drew.
Nella vita reale sono uno che si cura e si rasa sempre alla perfezione, e porto i capelli neri ben pettinati indietro sulle tempie, che mi danno un’aria – così dicono – aggressiva ma professionale. Indosso solo abiti su misura, e scarpe che costano più del vostro affitto.
L’appartamento in cui mi trovo adesso? Le tende sono tirate, e i mobili riflettono il bagliore blu della televisione. I tavoli e il pavimento sono disseminati di bottiglie di birra, cartoni della pizza e vaschette vuote di gelato.
Non è il mio vero appartamento. Il posto dove vivo io è immacolato: c’è una donna che viene a pulire due volte
alla settimana. E ha tutte le comodità più moderne, tutti i giocattoli che potete immaginare: mega impianto con audio surround, casse satellitari e un enorme schermo al plasma che farebbe cadere in ginocchio qualsiasi uomo. Roba incredibile, insomma. L’arredamento è moderno – acciaio nero inossidabile a volontà – e chiunque varchi la soglia di casa mia capisce a colpo d’occhio che lì ci vive un uomo.
Perciò, come ho detto, il tipo che vedete adesso non sono davvero io. Sono malato.
Influenza.
Avete mai notato che alcune delle malattie peggiori della storia hanno un suono lirico? Parole come malaria, diarrea, colera. Lo faranno di proposito? Per indorare la pillola… un modo carino per dire che ti senti come una cosa marrone che è precipitata dal culo del tuo cane?
Influenza. Ha un bel suono, provate a ripeterlo.
O almeno, sono quasi sicuro che si tratti di influenza.
Ecco perché sono rimasto chiuso nel mio appartamento negli ultimi sette giorni. Ecco perché ho spento il telefono, e mi sono alzato dal divano solo per andare in bagno o per aprire al tizio col cibo d’asporto.
E comunque, quanto dura l’influenza? Dieci giorni? Un mese?
La mia è iniziata una settimana fa. La sveglia è suonata alle cinque del mattino, come sempre. Ma anziché alzarmi
dal letto e andare in ufficio, dove sono una star, ho scagliato l’orologio in aria, dritto sulla parete opposta.
In fondo mi ha sempre dato fastidio. Stupida sveglia. Stupido beep beep.
Mi sono voltato dall’altra parte e ho ricominciato a dormire. Quando, finalmente, ho trascinato il fondoschiena
fuori dal letto, ero debole e avevo la nausea. Mi faceva male il petto, la testa. Insomma, è influenza, vero? Non
sono più riuscito ad addormentarmi, perciò mi sono piantato qui, sul mio fidatissimo divano. È così comodo che ho deciso di metterci radici. Per tutta la settimana. A guardare le battute migliori di Will Ferrell sul mio schermo al plasma.
Ora c’è un film, Anchorman. La leggenda di Ron Burgundy. Oggi l’ho già visto tre volte, però non ho ancora riso.
Neanche un ah. Forse il fascino sta nella quarta volta, eh?
Qualcuno bussa alla porta.

Dannato portiere. Che diavolo è venuto a fare? Se ne pentirà amaramente, quando riceverà la mia mancia a Natale, potete scommetterci il culo.

Ignoro i colpi, che nel frattempo continuano.

Ancora.
«Drew! Drew, lo so che ci sei! Apri questa maledetta porta!».
Oh, no.
È la Stronza.

CONTINUA ANDANDO………QUI

BOOK TRAILER

 

 

L’AUTRICE:

Nonostante sia l’autrice di Non cercarmi mai più, Emma Chase è una moglie fedele e una madre premurosa. Passa le notti in compagnia dei suoi personaggi, e ha una relazione di amore-odio con la caffeina. È un’avida lettrice e prima del suo debutto letterario divorava un libro al giorno.

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.

11 commenti

  1. Lucia

    Bellissimo il book trailer…Non vedo l’ora che esca, devo assolutamente leggerlo…

  2. Lauri

    Io l’ho letto in inglese e mi è piaciuto molto! E’ sexy ma anche spiritoso e divertente da morire. E poi mi piacciono molto i libri narrati sia dalla voce femminile che maschile. Questo oltretutto è raccontato solo da Drew…. A volte ho pensato che Emma Chase sia in realtà un uomo….. 🙂
    Leggero’ anche la versione italiana anche se devo dire che, purtroppo , le traduzioni nella nostra lingua lasciano sempre a desiderare….

  3. Cristina

    Non vedo l’ora di averlo fra le mani… ho letto l’anteprima e l’ho trovata davvero splendida. Questo Drew mi piace già da morire!!!

  4. vale

    Sono a metà del libro. L’avrei divorato tutto se non fossero state le 3.30 quando mi sono fermata al sedicesimo capitolo! Ve lo consiglio! Ho riso come una pazza e anche se la storia rimanda ai soliti cliche dei romanzi che tanto ci piacciono, credo che sia originale nella narrazione, soprattutto nel modo in cui il protagonista interagisce con il lettore!! Ottimo lavoro per questa scrittice!! 😀 😉

  5. Cristina

    Confermo!!! Divorato in due giorni…. esilarante, sexy e romantico!!! Drew Evans è a dir poco adorabile!!! Lo consiglio spassionatamente. L’autrice ha creato davvero un personaggio maschile molto ben riuscito e pieno di sfaccettature, in poche parole, un uomo vero, senza clichè o tabù.

    • Pannocchietta

      Divorato anch’io… Divertente, frizzante, fresco e di facile lettura. Ed ora aspetto Beautiful Bitch che, sicuramente, non deluderà le mie aspettative 😉

      • Marina

        Appena comprato! Sicuramente mi piacerà, gli ho dato già una sbirciatina! 😀

  6. Pannocchietta

    Marina, fidati: è esilarante 😀 … Mi è piaciuto talmente tanto che mi è sembrato terribilmente corto 🙂

    • Marina

      Pannocchietta ho letto molte recensioni che affermano quello che hai detto tu e quello che mi incuriosisce molto è il fatto che sia scritto dal punto di vista maschile 😀