“L’Oltraggio” di Sara Bilotti, primo appuntamento con una nuova trilogia tutta “Made in Italy”

Lo so, lo so che siete tutte impegnate in questi giorni con la visione del film, finalmente, ma prima o poi dovrete schiodarvi da quella poltrona, e no, non potete portare a casa il grande schermo in omaggio. Quindi, se per il resto del weekend avete bisogno di qualche distrazione, ecco che arriva la sottoscritta con qualche consiglio di lettura, meglio ancora se tutto in “Made in Italy.”

L’Oltraggio” è il primo capitolo di una nuova trilogia di casa nostra, ambientata nella meravigliosa Toscana, che ci terrà occupate nei prossimi mesi. A questa recente uscita- 27 gennaio – si aggiungeranno infatti altri due capitoli dal titolo “La Colpa”, previsto per il mese di marzo, e “Il Perdono”, in arrivo per maggio.

Si tratta di un esordio quello dell’autrice – Sara Bilotti – nel mondo dell’ erotico, ma non in quello editoriale, dal momento che al suo attivo la scrittrice ha altri romanzi, ma appartenti al genere noir, tipo di atmosfera che ritroveremo comunque anche in questa storia che basa la sua trama su segreti e misteri.

Vi annuncio che, legato a questo romanzo, ci sarà una sorpresa in esclusiva tutta per voi prossimamente, quindi, vi consiglio di rimanere sintonizzate e non perdere i nostri aggiornamenti.

Come vi dicevo, teatro di questa nuova avventura le terre di Toscana, nella vicina Firenze, dove Eleonora, la nostra protagonista, si trasferisce per dare un nuovo senso alla sua vita, un nuovo inizio. Eleonora entra così a far parte di un microcosmo, quello di Villa Bruges e dei suoi abitanti, senza tempo, con leggi tutte sue, fatto di precari equilibri e mosso da fili invisibili. L’unico suo legame con quella famiglia è rappresentato dall’amica Corinne, con la quale ha un rapporto conflittuale e mai risolto da tempo.

Incompresioni, gelosie e segreti renderanno difficile la convivenza del nuovo nucleo formato , soprattutto quando Eleonora si ritrova a subire il fascino letale di Alessandro ed Emanuele, i due irresistibili fratelli Vannini. Per Eleonora è impossibile resistere alla dolcezza di Alessandro, alle sue attenzioni e al suo essere così potettivo, al contrario di Emanuele, un arrogante bastardo dalla sensualità conturbante. Due caratteri così diversi e complementari tra loro, molto intriganti, ma inutile dirvi chi, tra i due fratelli, mi ha attratta di più. Nell’antico gioco tra buoni e cattivi, tra colpevoli e innocenti, nel mio caso, vince sempre lui: quello dall’animo bastardo. Anche se, alle volte, le apparenze possono ingannare, ma la domanda  rimane sempre la stessa: scappare o giocare?

Alla fin fine si tratta sempre di decidere come si vuole vivere la propria vita….

«Ci sono persone semplici e persone complicate. Con le persone semplici puoi dividere tutta una vita. Metter su famiglia, comprare casa, gestire le questioni più banali. Ma è con quelle più complicate che vivi davvero.»

 

oltraggio1.jpg

 

 

TRAMA

Eleonora non vede Corinne da quattro anni. Così, quando la sua amica d’infanzia la invita nella meravigliosa tenuta toscana di Bruges, dove vive insieme al suo compagno Alessandro, brillante uomo d’affari con la passione per il teatro, lei la raggiunge. Alessandro ha un fratello, Emanuele, molto diverso da lui. Uno è gentile e premuroso, l’altro è selvaggio e irruento, ma entrambi la catturano in un gioco ambiguo. Anche se desidera Alessandro, Eleonora rinuncia a lui per proteggere Corinne, come fa sin da quand’era piccola. Non riesce invece a sottrarsi alla violenta bellezza di Emanuele, che le rivela quanto possa essere eccitante perdere il controllo.

Ossessionata da due uomini, Eleonora cercherà di scoprire a tutti i costi cosa nasconde il passato. Non sa ancora che soltanto scavando nel loro cuore e nel loro corpo potrà finalmente curare la propria ferita.

«A me le bambole non piacciono. Mi piacciono le donne in carne e ossa. E le donne in carne e ossa urlano. In particolare, a me piacciono le donne che urlano.»

 

DISPONIBILE SU AMAZON