l'angolo delle recensioni

 

Prende ufficialmente il via la rubrica “L’Angolo delle Recensioni”, uno spazio dedicato a voi lettrici dove commentare insieme i romanzi appena terminati di leggere che, nel bene o nel male, hanno lasciato il segno.

Ad inaugurare la rubrica sarà Gloria che ci parla del romanzo “ Il Primo Ultimo Bacio” di Ali Harris, pubblicato un mese fa circa da Casa Editrice Nord, raccontandoci il suo personale punto di vista.

Può un romanzo cambiare le priorità e farti rivedere la tua scala dei valori?

A detta di Gloria, si. Quindi, senza ulteriori indugi, lascio a lei la parola.

 

ATTENZIONE POTREBBE CONTENERE SPOILER

BodyPart

Io sono Gloria, ho ormai quasi 26 anni e seguo il sito già da diversi mesi.

Questa mattina, come tutte le mattine, sono entrata per dare una “sbirciatina” e ho letto l’articolo pubblicato ieri sulla nuova rubrica “l’angolo delle recensioni” e ne sono rimasta entusiasta perché trovo affascinante poter condividere con le compagne lettrici alcune delle letture fatte.

Prima di farlo Vi spiego chi sono:

seeeeeemplicissima ragazzaccia che fino ai 16 anni amava leggere; la massima aspirazione (peraltro raggiunta) era divorare e collezionare tutti i capolavori di Ken Follet.

Ma i 16 anni passano e così è passata anche la mia smania per la lettura. Abbandonata definitivamente.

La scorsa estate mi ero ripromessa, per ammazzare il tempo durante le ferie, di provare a tornare a leggere e da lì l’acquisto della fantastica trilogia delle 50 sfumature. Libro che ho molto più che amato e che ho riletto e riletto fino a farmi schifo da sola.

il-primo-ultimo-bacio-meme _8Con una “spinta” di una cara amica, ho iniziato a riassaporare il piacere di sfogliare le pagine di un libro e praticamente da un anno non faccio altro che leggere, scoprendo che mi è impossibile trascorrere più di una settimana senza avere un libro tra le mani. Ho letto diversi libri: dal genere new adult (premetto che dopo le 50 sfumature, mi sono rifiutata di leggere altre trilogie perché dalla trama mi sembravano tutte brutte copie di quella di E.L. James; fatta eccezione per Emma Chase che ritengo un genio con la sua “Tangled Series”), romantico, ai gialli, thriller…..insomma un po’ di tutto.

Mi sono dilungata come sempre…..insomma ho deciso di mandare una e-mail all’indirizzo segnalato per condividere con voi il libro che ho finito di leggere proprio ieri sera e che è la causa dei miei occhi gonfi, della mia bocca sformata e degli sguardi alla “ma che cavolo hai fatto?!” dei miei colleghi (volevo non venire a lavoro in queste condizioni, ma non sapevo proprio come dire al mio capo che non potevo perché ero impresentabile in quanto avevo trascorso la serata e buona parte della nottata a sguazzare nelle mie stesse lacrime. E quindi sono in ufficio)…. Oddio mi sono dilungata ancora!…

il-primo-ultimo-bacio-meme _9Comunque, il libro in questione è “Il primo ultimo bacio” di Ali Harris.

Ora mi pongo e vi pongo una domanda: “può un libro farti cambiare prospettiva di vita?” ASSOLUTAMENTE SI.

Questo libro l’ha fatto.

Storia d’amore appassionante, romantica, coinvolgente… che finisce nel peggiore dei modi, secondo il mio punto di vista.

Ho divorato questo libro e mi sono trovata a piangere più volte grazie alle bellissime sensazioni che riuscivo a provare scorrendone le righe.

Come sempre, o come capita solo a me, ho amato la figura maschile e ho profondamente odiato quella che dovrebbe essere la protagonista della storia. E la odio ancor di più dopo aver terminato la lettura.

Questo libro ha ridimensionato le mie certezze, mi ha fatto pensare a cose a cui, a 26 anni, con una relazione che dura da 9 anni e una imminente convivenza, non avevo mai pensato e mi sono trovata a chiedermi: “e se succedesse a me?” con il risultato che piangevo per l’epilogo del libro e per il terrore che qualcosa di simile potrebbe un giorno succedere.

Ieri sera, sono riuscita ad abbandonarmi alle braccia di Morfeo solo con la convinzione che da domani (cioè oggi) non mi sarei mai più posta limiti: amerò incondizionatamente il mio compagno, non rimanderò mai un bacio, una conversazione, una uscita, un viaggio (cosa che faccio pensando: oddio ma siamo in pubblico, oddio non ho voglia di parlare, oddio forse è meglio risparmiare …); gli dirò “ti amo” tutto le volte che sento la necessità di dirlo (certe volte mentre lavoro o sono a casa mi capita di pensarlo e di ridere inebetita pensando a quanto lo adoro e vorrei dirglielo subito, ma mi sento scema e subito ritraggo il telefono); farò l’amore ogni volta che io ne avrò voglia o che lui ne avrà voglia (oddio su questo punto potrei avere dei problemi perché il mio ragazzo pensa sia normale farlo al mare in acqua di domenica pomeriggio davanti a bambini…dice che “così imparano da subito” e che “significa che ci vogliamo bene”)…

Insomma mi ha fatto capire quanto possa essere precaria e instabile la nostra vita, mi ha fatto capire che la felicità potrebbe durare poco e soprattutto mi ha fatto capire quanto sia diverso l’amore tra uomo e donna.

il-primo-ultimo-bacio-meme _10

L’uomo AMA e quando lo fa, lo fa “nonostante tutto” e “incondizionatamente”.

Noi tiriamo le cinghie e siamo quelle del “si, però…”, del “se…”.

Ho riscoperto appena ho chiuso il libro che sono follemente pazza del mio uomo e che la mia meravigliosa vita è quel che è grazie a lui. Lui è l’altra metà del mio cuore e perderlo significherebbe perdermi per sempre.

Ragazze, LEGGETE questo libro. Leggete di Ryan e Molly e della loro vita.

È un libro davvero fantastico capace di toglierti il fiato e di rubarti il cuore.

Concludo dicendo che sarebbe opportuno rivedere la frase della cara Virginia Woolf, perché signore mie “Dietro un grande uomo NON c’è una gran donna, ma c’è semplicemente il suo cuore, il suo amore capace di far andare avanti una donna senza incertezze né paure”.

E allora lo ripeto, leggete “IL PRIMO ULTIMO BACIO” di Ali Harris della collana Narratina Nord.

E non dimenticate: AMATE e BACIATEVI sempre!

Vi lascio con la citazione che più mi ha ….. vi lascio con questo…:

“….Immaginate di poter contare tutti i baci sprecati, gettati via. Come quando avete porto la guancia al posto delle labbra, vi siete girati dall’altra parte nel letto dopo un litigio, siete scappati via senza nemmeno un addio.
Come se non bastasse, quando non si sta più insieme sono proprio questi i baci che non si dimenticano mai.
Ma tutti questi baci mancati dove se ne vanno? Io me li immagino come tante croci nella sabbia, un camposanto di baci disseminato di tesori sepolti.
Alcuni rubati, altri perduti o lasciati sfuggire, taluni gettati via alla leggera o con indifferenza, tutti in attesa di essere trovati…”

 

Ringrazio Gloria per aver dato vita per la prima volta a questo spazio, e per aver condiviso con noi i suoi pensieri ed esperienze personali.

E voi, avete letto questo libro? Cosa ne pensate?

Date via al dibattito!

 

Di seguito trovate trama e info di questo romanzo.

 

il-primo-ultimo-bacio-meme _6TRAMA

Quando arriva il momento in cui si capisce di essere innamorati? Per alcuni, mai. Per altri, troppo tardi, l’attimo successivo alla fine di una storia.

Per i più fortunati, invece, è come una rivelazione improvvisa, provocata da uno sguardo, da un gesto premuroso, da una frase sussurrata all’orecchio.

Per Molly, la rivelazione è arrivata grazie a un bacio: quello che, tanto tempo fa, Ryan Cooper le ha dato in mezzo a una pista da ballo. È stato quel bacio incerto a farle intuire che, dietro la corazza da spaccone arrogante, si celava un ragazzo vulnerabile e generoso.

Eppure Molly ha dovuto attendere il «vero bacio» – quello che lui le ha dato mentre erano in vacanza a Ibiza – per convincersi di aver trovato la sua anima gemella. Fino ad allora, aveva temuto che, prima o poi, le loro differenze li avrebbero divisi: lei voleva vivere a Londra, Ryan fuori città; a lei piaceva trascorrere i weekend tra musei e mostre d’arte, a lui in compagnia degli amici allo stadio e al pub. Nonostante le incomprensioni, però, nei loro cuori aveva ormai messo radici un amore profondo, sincero, assoluto. Un amore suggellato dal «bacio del finché morte non vi separi»…

Adesso, cinque anni dopo il matrimonio, Molly sta cercando un modo per andare avanti senza Ryan. Ma non è possibile se nella sua mente si affollano i ricordi di tutti i baci che si sono scambiati e, soprattutto, dei tanti che si sono negati.

E, mentre chiude gli scatoloni per il trasloco, Molly continua a chiedersi cosa avrebbe fatto di diverso se avesse saputo che quel bacio rubato sulla spiaggia di Ibiza sarebbe stato il primo degli ultimi baci e l’inizio di un lungo, meraviglioso addio; se già allora si fosse resa conto che sarebbe arrivato il giorno in cui, di baci, a lei Ryan non ne avrebbe dati più…

 

il-primo-ultimo-bacio-meme _7

I BACI PIU’ BELLI DI RYAN E MOLLY

Ryan

Bacio cui sono più affezionato

Il bacio che mi ha dato Molly la sera in cui sono tornato a casa dopo la trasferta. È stato il bacio che mi ha fatto capire che lei era la cosa più importante della mia vita.

 

Il bacio dei baci

Quello che avrei dovuto dare a Molly quel giorno a New York. Avevo paura che non fosse il momento giusto, e invece avrei dovuto baciarla lì, a Times Square, davanti a tutti. Solo così le avrei fatto capire quello che provavo per lei.

 

Bacio più rimpianto

Quello che non le ho dato la sera in cui abbiamo litigato perché lei aveva fatto di nuovo tardi al lavoro. Ero stanco e nervoso, e non l’ho degnata di uno sguardo. Ora che di baci non posso dargliene più, vorrei aver colto anche quella occasione.

il-primo-ultimo-bacio-meme _11

 

Molly

 

Bacio cui sono più affezionata

Il primo. Ryan me l’ha dato in mezzo alla pista da ballo durante la festa di fine anno. È stato un momento indimenticabile, da film… peccato che il bacio fosse davvero pessimo. Eppure è stato allora che ho capito di amarlo.

 

Il bacio dei baci

Da quando sono di nuovo sola, non riesco a togliermi dalla testa tutti i baci sprecati, gettati via. Come quando ho porto la guancia al posto delle labbra perché stavamo per uscire e altrimenti Ryan mi avrebbe rovinato il rossetto, o quella volta che mi sono girata dall’altra parte nel letto dopo un litigio. O quando l’ho visto parlare con la sua ex e sono scappata via senza nemmeno salutarlo. Sono proprio questi i baci cui non riesco a smettere di pensare.

 

Bacio più rimpianto

Nessuno mi ha avvisato che ogni bacio è un passo verso l’addio. Solo ora mi rendo conto che è come un granello di sabbia che mi scivola inesorabilmente tra le dita. Come fermare la clessidra? Come fare in modo che un bacio duri una vita?

 

 

TROVATE QUI TUTTE LE INFO PER PARTECIPARE A “L’ANGOLO DELLE RECENSIONI”

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi