L’albero di Natale con i sexy toys: è polemica a Milano

Sacro unito al profano nelle vie di Milano questo Natale.

Un curioso e sicuramente insolito alberello natalizio è apparso in C.so Como a Milano. L’abete, al posto delle tradizionali palline colorate è stato addobbato con colorati sexy toys. Si, proprio loro, i giocattoli di Christian Grey.

Una provocazione? Sembrerebbe di no, in quanto è stata fatta regolare richiesta al Comune da parte di un sito online di vendita di prodotti erotici. Ora il Comune, che a breve farà rimuove lo scandaloso oggetto, ha dichiarato che mai avrebbe immaginato il prodotto finale che l’azienda avrebbe installato nelle vie della capitale lombarda. E ci tiene a precisare che:

“Se l’azienda avesse indicato correttamente la natura della manifestazione e l’attività commerciale che si voleva promuovere, l’amministrazione avrebbe negato, per ragioni di opportunità, l’autorizzazione, così come avviene già i sexy shop e le sale scommesse, esclusi dai bandi per l’assegnazione degli spazi pubblici”.

 

Guarda la gallery con le foto dell’albero cliccando QUI.

Vi sembra esagerato un albero con sexy toys esposto in una via della città?

 

Repubblica cronaca Milano.

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.

28 commenti

  1. ROSANERA

    Mah…!!!

    Non offensivo, ma di dubbio gusto, secondo me….

  2. Lau

    Be’ a me non darebbe fastidio,ma non è argomento per tutti, quindi in privato si ma in piazza anche no!

  3. desi

    a me sinceramente non darebbe alcun fastidio, più che altro nn di bellissimo gusto!

  4. Sole

    troverei un pò difficile spiegare a mia figlia a cosa servono certi arnesi passando da lì… 😉

  5. Rossa

    Concordo con voi! Personalmente non mi darebbe fastidio anzi forse sarei divertita. In piazza non passano solo gli adulti ma anche i bambini ed effettivamente come dice Sole non è il massimo dare spiegazioni di questo genere! Se penso ai miei figli che mi chiederebbero cos’è questo, cos’è quello..aiuto!!!!!

  6. Ida

    Molto divertente questa cosa. Beh, in effetti, la cosa è abbastanza imbarazzante per i passanti. Avrei messo questo albero un un’area riservata, non in mezzo alla strada.

  7. Lady

    Non ci trovo nulla di male e se vogliamo eliminare ancora certi decadenti tabù legati al sesso bisogna pur iniziare da qualche parte no?
    Certo che se ancora ci si scandalizza nel vedere un vibratore….. tra l’altro anche carino, non si direbbe nemmeno che lo è..

    • Tessa

      Lady: L’albero di Natale…appunto! Sai cosa significa il Natale, vero? Non si tratta di tabù ecc… Ma di cattivo gusto, e. approfittare di una ricorrenza religiosa Cristiana per fare la pubblicità a certi articoli che di religioso e Cristiano non hanno niente (anzi, sono agli antipodi). è abominevole. Fanno bene a toglierlo. C’è il diritto al pubblico e al privato. Il rispetto…sempre. Poi, ognuno ha le proprie opinioni, e devono essere rispettate anche quelle.

      • Lady

        Ma perché ti scaldi tanto?
        Che bigottismo che riscontro…. leggere un libro erotico che parla di fruste e catene, regalarlo magari a natale ok, basta però che non si sappia in giro!
        Non è falso moralismo questo?
        Dici che si devono rispettare opinioni diverse ma mi sembri tu la prima a non farlo.

        • Tessa

          Chi ha mai detto di regalare il libro a Natale? Lo puoi anche leggere a Natale, come vuoi, rimane nella sfera del privato. Ma non per questo si può imporre certi oggetti nelle pubbliche vie, dove ci sono bambini ecc. Io ho parlato di cattivo gusto…visto il clima natalizio. Punto! Ho specificato anche che rispetto la tua opinione.Non condividerla non significa che mi stavo scaldando. E’ adesso, casomai, che lo sto facendo perché hai scritto “falso moralismo”. Io non ti ho offeso, quindi non vedo perché tu debba darmi della “falsa moralista”, che, invece, certamente è una cosa poco piacevole da leggere. Sono solo cosciente del fatto che a tutto c’è un limite, anche alla troppa permissività. Come mamma e nonna, ho i miei limiti, ad accettare certe cose. Se tu sei così aperta…buon per te. Buona serata.

            • Tessa

              Rosanera, grazie per i tuoi “complimenti”…ma non sono tanto giovane. Ho 54 anni (mi sa che sono la più vecchia qui). Ho letto il libro perché lo aveva mia figlia e a forza di dirmi che non era lettura per una romantica come me, mi ha talmente incuriosita che gliel’ho preso di nascosto e l’ho letto. Sono sincera, ho letto le prime scene della stanza rossa, poi le altre le ho saltate (non per “moralismo” ), ma semplicemente perché avendo lavorato in ospedale (compreso il reparto psichiatrico), e mio marito, avendo avuto, tanti anni, una videoteca, conosco al materia molto più dell’autrice che ha scritto i libri. Non ho nessun problema a dire che ho letto i libri, quindi, solo che paradossalmente, mi ha interessato soltanto la parte emotiva della storia tra i due protagonisti, mentre quella “sessuale”, mi ha lasciato del tutto indifferente: per me poteva anche non esserci (sarà l’età della pace dei sensi? ahahah!). Scherzo! Ma sono una nonna romantica, 🙂 E dopo questo sfogo (spero che sarai comprensiva con me, visto la senilità precoce), aspetto, come te, e tutte le altre qui, di vedere il film..nel 2015…e quando arriva?

          • Tessa

            Lady…mi scuso con te se mi sono “risentita” un pochino della tua risposta, qui sopra. Non è mia abitudine… Ti auguro buona giornata.

            • ROSANERA

              @Tessa

              Ciao!!
              I miei prossimi sono 55, e tra poco…
              E sono ben lontana ad avere nipoti… ho i figli troppo giovani.
              E anche io sono romantica, e guai a te se ti pesco ancora a scrivere di senilità precoce!!! Attenta!!!
              Ahahahah

        • ROSANERA

          Hai ragione: c’è gente che predica bene e razzola male….
          C’è chi legge questi libri in privato e poi, in pubblico, critica ferocemente chi ammette con tranquillità di averli letti…
          Ma qui si parla di un albero di Natale esposto in un luogo pubblico.
          A me, a te e ad altri può far addirittura sorridere, ma non è cosa per tutti….
          Non è questione di falso o vero moralismo. E neanche di bigottismo…. è solo cattivo gusto.

          Non ho fede in nessuna religione in genere, ma rispetto le idee cattoliche e i valori cristiani di chi vive vicino a me, come i credo musulmani dei miei amici marocchini.
          Come giustamente dici, è questione di rispettare le idee e le opinioni degli altri.
          E allora facciamolo, no??

          Si potrebbe dire che se dà fastidio la vista di questi oggetti, ci si può girare dall’altra parte e tirare diritto. Ma permane il cattivo gusto, e a che pro? Chi apprezza il genere lo continuerà ad apprezzare, e chi non lo apprezza, lo detesterà ancora di più.
          .
          Ricorda che i tabù decadenti e il Natale cristiano non legano bene insieme, e il cattivo gusto è cattivo gusto, da qualunque punto tu lo vuoi vedere.

          Se io voglio particare sesso e BDSM lo faccio e me ne frego degli altri, ma lo faccio in privato, non vado ad appendere vibratori e frustini agli alberi di Natale.

          Bisogna anche pensare a quei cattolici che credono e festeggiano il Natale per la nascita del Figlio di Dio, non per la festa degli alberelli e dei regali….

          C’è una collocazione adeguata per ogni cosa.

    • ROSANERA

      Non riesco a vedere il vibratore: so’ ‘cecata?? Anzi, non riesco a riconoscere neanche un oggetto, provo ad ingrandire ?? 😉

    • Mirka

      Condivido anche la tua idea. Ci si lamenta che il sesso è un tabù mentre non dovrebbe esserlo, e poi si vuol rimuovere un albero con dei sexy toys.

  8. Pannocchietta

    Partendo dal presupposto che personalmente, come donna, mi lascerebbe indifferente, forse non mi accorgerei neppure, ma il Natale è la festa dei bambini per eccellenza. Da mamma, non saprei davvero come spiegare a mio figlio l’ utilità di questi “nuovi addobbi natalizi”.

  9. Ellyfain

    … non ho figli e non mi è sorta la domanda che altre di voi si sono fatte.
    Posso solo dire che leggendo il titlolo del thread ho pensato che forse lo troverei divertente e anche un pò e giustamente irriverente nei confronti di una festa solo più simbolicamente religiosa ma di fatto pagana e consumista che non sopporto più da un po’ di anni
    😉
    Non scagliatevi su di me!
    🙂

    • ROSANERA

      Ehi, ciao Elly!!

      No, no dai!!! Non mi scaglierò su di te, ho male alla schiena stasera!!!
      Non è una festa pagana!!! Lo è diventata…
      Invece di mal sopportarla, bisognerebbe cercare la vera essenza religiosa di queste festività, se ci si crede fermamente. e tentare – ripeto tentare – di non darsi agli acquisti compulsivi per fare regali a tutti costi….

  10. SILVIA

    Ma in realtà il figlio di Dio non é nato in un altra data???? É una cosa vera o leggenda metropolitana? Io so solo che più mi guardo attorno e piu concordo sul fatto che sia una ricorrenza consumista e se il Natale é fatto per i bambini a mio parere di cristiano non viene insegnato quasi niente ma a loro volta imparano presto il valore dei regali da chiedere. (opinione molto personale basata su ciò che mi circonda quotidianamente) dal canto mio son sincera sia quel che sia un motivo o un altro l’importante sono le ferie dal lavoro!!!! E per l’alberello vibroaddobbato…behhh mi sarei fatta quattro risate ma non lo avrei messo in un passaggio pubblico! Perché non metterlo in libreria a far promozione alla trilogia??? Come se ne avesse bisogno.

  11. Mirka

    Il moralismo di convenienza è una cosa che regna ancora nelle masse.
    Quando un tabù (il sesso in Italia è ancora un tabù grazie al vaticano) è comodo, come leggere un libro erotico, andare al cinema a vedere un film erotico, non si critica, ma si sostiene. Ma le stesse persone che leggono di quei vibratori, e muoiono dalla voglia di vederli al cinema, si scandalizzano se per le vie di una città te li ritrovi sull’alberello della festa più consumista del mondo che nulla ha a che vedere con la natività del Cristo. Nulla.
    Se mio figlio vedesse un vibratore appeso a un albero, non necessiterebbe di spiegazioni, basta dirgli un giocattolo non per bambini. Tutto qui. Tirare in ballo i bambini mi sembra inutile. Se ai bambini si insegnasse il vero valore di quella festa (niente regali) non ci ritroveremmo a dover spiegare loro cosa sono quelle cose su un albero di Natale. L’albero non dovrebbe nemmeno esistere a Natale dato che è un simbolo, come Babbo Natale, inventato dalla Coca Cola. Non a caso i sexy toys sono stati messi sull’albero e non in un presepe.

  12. May

    Direi che è molto imbarazzante e di pessimo gusto, un conto che queste cose le fai in privato o come qui adesso a commentare piacevolmente sull’amata trilogia, un conto è metterle in mostra al pubblico, ma ci sono anche i bambini che non vogliamo che vedano e sappiano dei giocattoli di CG.