Si è fatto desiderare, ma finalmente anche “La Promessa Trilogy” è arrivata al capolinea.


Dal prossimo 6 febbraio troverete ad attendervi in libreria “La Prova“, capitolo conclusivo della trilogia dell’autrice inglese Portia Da Costa edita Newton Compton.


Nel nuovo bollente appuntamento Lizzie e John sembrano vivere il loro “per sempre felici e contenti”, ma la vita non sempre è una favola ed il passato presenta il suo conto.
Una lettura sensuale, romantica e molto, molto hot è pronta a travolgervi.

 

TRAMA:

Fino a che punto sei disposta a mentire per farlo innamorare?

Lizzie e John sono andati finalmente a vivere insieme, e nella loro nuova, lussuosa casa possono assaporare a pieno i piaceri di una passione travolgente. Sono felici, John ha chiesto a Lizzie di sposarlo e di entrare così a far parte della sua ricca e aristocratica famiglia.
Ma c’è ancora qualcosa che sembra tormentarlo, e quando all’improvviso una vecchia fiamma ricompare dal suo oscuro passato, Lizzie si chiede se John sia disposto a voltare finalmente pagina… Desidera davvero iniziare una nuova vita con lei, o prima o poi è destinata a perderlo?

 

TROVATE QUI LE PRIME PAGINE DEL ROMANZO

 

LA PROMESSA TRILOGY” E’ COMPOSTA DA:

1 – L’Incontro

2 – L’Insegnamento

3 – La Prova

 

L’AUTRICE:

Portia da Costa è un’autrice inglese che ha vissuto e lavorato nello Yorkshire occidentale, nel nord dell’Inghilterra, per tutta la vita. Ha iniziato la sua carriera di scrittrice quasi per caso. Si dedica a tempo pieno alla scrittura e vive in una tipica cittadina dello Yorkshire con il marito di una vita e tre bellissimi gatti che entrambi adorano. Quando non scrive le piace leggere, rilassarsi e guardare la televisione. Tanta tv, in realtà. Trascorre anche molto tempo online con degli amici virtuali sulle bacheche elettroniche dei suoi autori preferiti, oppure su social network come Facebook e Twitter.

 

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.

1 commento

  1. Viviana

    Ohh bene Stella! La stavo proprio aspettando!
    Ammetto che non sono il massimo come scrittura, ma c’è mordente e pathos, sai tipo quei fenomeni editoriali di cui non sai capacitarti del perché ti piacciono? (vedesi le sfumature)