Dal Canadianpress

I protagonisti dello show

Negli Stati Uniti ha spopolato una commedia teatrale dal titolo piuttosto chiaro: ‘Spank!‘ che significa sculacciata! Ora lo spettacolo annuncia il suo debutto a Toronto e già gli organizzatori si aspettano e pregustano il successo clamoroso che ha avuto negli States, con migliaia di donne urlanti e il tutto esaurito!

Ci si sente come un concerto rock,” dice con orgoglio Jim Millan, regista e co-sceneggiatore, data l’atmosfera elettrizzante e la risposta entusiasta da parte del pubblico. “900 donne urlanti, alcune delle  quali sono lì con i mariti.” Ha detto in una recente un’intervista telefonica da Rio Hotel & Casino di Las Vegas.”Abbiamo pensato che il loro amore per i libri della trilogia si sarebbe tradutto in  entusiasmo per una nottata un pò diversa dal solito ma non potevamo immaginare che sarebbe stato addirittura così.”

La risposta del pubblico alla parodia non autorizzata musicale è stata così forte, che poco dopo la sua prima edizione a Springfield ai primi di ottobre, la Creative Artists Agency (CAA) ha firmato per rappresentarla negli Stati Uniti. Ora, sempre secondo quanto riportato da Millan, due diverse aziende stanno prendendo in considerazione uno ‘SPANK touring!’ e due produttori diversi a New York hanno espresso un  “forte interesse” per portare lo show addirittura nel tempio statunitense dei musical: Broadway!
I produttori nel Regno Unito e l’Australia hanno chiesto di comprare i diritti per lo spettacolo e ora stanno lavorando con i coreografi per metterlo in scena, e il regista ci tiene a precisare che anche se lo spettacolo è una parodia dei libri di  EL James e  parla di bondage, disciplina, sadismo e masochismo, lo show è materiale completamente originale. Ovviamente, aggiunge ancora Millan, si è premurato di chiedere agli avvocati di studiare i libri e lo script e di assicurarsi che non ci fossero problemi legali.
Lo show comprende numeri musicali, nonché  improvvisazioni, interazione con il pubblico e burlesque. Interessante come riferisce sempre lo stesso produttore che molte persone del pubblico si sono presentate nelle tappe precedenti in abiti grigi o a tema 50 sfumature!
Arriverà mai in Italia? Non credo.. Ma qualcosa di simile si potrebe creare 😉
.