Jamie Dornan: “Ti piace il lato oscuro dei personaggi?”

 

 

 

In questa nuova intervista a Jamie Dornan ci si chiede: sarà l’uomo del momento o solo un capro espiatorio per la critica?

Questo non è un ruolo da protagonista di Hollywood che si ottiene tutti i giorni.

No. La gente… beh, la gente è davvero persa in quel ruolo, sembra davvero che lo sia.

E se lo odieranno, odieranno anche te?

Credo che per questa serie di libri la gente ha una forte idea di come doveva essere il loro Christian Grey e la loro Anastasia Steele. Alcune persone saranno abbastanza soddisfatte del film, altre saranno deluse e arrabbiate.

– Come hai ottenuto la parte? La gente avrà fantasticato su una marea di divi per quel ruolo.

E’ stato molto particolare. Ho fatto il provino, ma poi è stato scelto qualcun altro [attore inglese Charlie Hunnam], e poi è toccato a me. Dal giorno che me lo hanno detto al giorno che abbiamo iniziato le riprese era passato solo un mese. Che è una cosa folle.

– Forse questa è una parte dove ci si deve buttare senza troppo pensare?

Per fortuna, ci sono aspetti del personaggio che sentivo relativamente sicuri, non dovevo lavorarci troppo sopra.

– Tipo quali?

Ho avuto un’idea, credo, del suo tormento, della sua incomprensione, della sua lotta per l’amore e l’accettazione. Lui è un ragazzo estremamente potente, ma c’è un grande elemento di Christian che è insoddisfatto. Non voglio dire che è in qualche modo parallelo con la mia vita, ma ho sentito subito una comprensione di tutti questi suoi lati e quindi mi sentivo a mio agio quando l’ho impersonato.

– Ci sono ‘alcune’ scene di sesso, come le hai girate?

E’ un lavoro. Si stanno facendo cose intime con un sacco di persone  in una stanza con noi. Il suo lato fisico, la nudità, è stata difficile. Ho fatto del mio meglio per non finire troppo nudo come quando ero modello. Non sono mai completamente a proprio agio, anche se Google Immagini probabilmente negherebbe questo fatto!

– Ti piace il lato oscuro? The Fall tratta un argomento molto triste, e Fifty Shades è dark a modo suo.

Non sono del tutto sicuro sul perché, ma i personaggi oscuri hanno un qualche fascino su di me. Questo non vuol dire che voglio solo interpretare ruoli del genere. Non li cerco volutamente, ma sono attratto da personaggi che sono un po’ lacerati.

 

 

Time Out

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.

 

6 commenti

  1. Rosy

    Ottima intervista come sempre del resto. Grande Jamie.
    E’ normalissimo, comunque, che il film non possa piacere a tutti, d’altronde anche con i libri è stato così (non a tutti è piaciuto) ma comunque il successo lo ha ottenuto, e succederà la stessa cosa anche con il film, ma la cosa che hanno ottenuto è la visibilità per questi attori, in un modo o nell’altro, già li stanno chiamando da tutte le parti per fare film, e io sono molto felice per loro, se lo meritano.
    E’ lo stesso percorso di Robert Pattinson e Kristen Stewart, da quel momento non si sono più fermati XD

  2. Minù

    Comunque stavo pensando al ruolo in the fall , il personaggio per certi aspetti è simile a Christian…nel senso che entrambi hanno avuto un infanzia difficile senza genitori e tutto il resto , forse per quello è piaciuto alla signora James ? E poi anche Jamie ha perso la madre in un momento importante della sua crescita …sono sicura che riuscirà a rendere bene il personaggio; ) 😉

    • Rosy

      Si solo per quello, però poi sono completamente diversi. Christian non è un assassino folle e pazzo, anzi il contrario, per fortuna.
      Credo che alla James (e comunque alla maggior parte degli attori) piacciano questo tipo di personaggi, molto complicati, infatti gli attori si entusiasmano di più interpretando questi ruoli rispetto al solito “buono”.

      • Minù

        Ovviamente non è un folle assassino 😀
        mi faceva pero pensare la somiglianza d alcuni tratti dei due personaggi, anche Paul Spector è abbastanza preparato in campo di bondage 😉 😉

        • Rosy

          Si si. Poi i due (personaggi) hanno preso la loro esperienza in strade opposte: uno verso la parte sbagliata e uno dalla parte giusta, infatti Jamie ha parlato di questo in una delle sue interviste, questa “similitudine” solo per il loro passato. Chrsitian è stato “salvato”, se così si può dire, da Elena, nel senso che tutta quella rabbia l’ha incanalata all’interno, e lo ha anche aiutato all’esterno, poi lui ha avuto la forza di fare da solo (e diventare dominatore), però era tutto vuoto finchè non ha incontrato Ana.
          Paul Spector, invece, è un folle che però all’apparenza non sembra, ma dallo sguardo lo capisci (che non è lo stesso che mostra Christian).
          E’ stato bravo Jamie a scindere i due personaggi, pur avendo un passato complicato, a fare sguardi diversi per tutti e due, è bravissimo.

  3. Minù

    Per quesyo credo che abbia fatto un bel lavoro con Christian Gre, spero solo di non sbagliarmi.
    Pou si avvicina il giorno e piu mi sale l ansia e la paura di rimanere delusa…ho amato cosi tanto i libri che sarebbe un vero peccato 🙁 🙁
    Tra l’altro mio marito ormai pensa che io sia impazzita 😀 😀 😀 poverello 😉