Jamie Dornan: “Nizza è stata una situazione sanguinosa terribile”

 

 

Le riprese di Cinquanta Sfumature di Rosso in Francia sono state funestate da quell’infame attacco terroristico. La tragedia ha portato ad elevare il grado di sicurezza per tutta la produzione del film. Jamie Dornan per la prima volta ne parla in esclusiva a Coming Soon USA.

 

Come si può immaginare è stata una situazione sanguinosa terribile, ti sentiresti chiamato in causa in qualsiasi parte del mondo tu ti trovassi.
La maggior parte del cast e della troupe alloggiava a Monaco dove c’è un po’ di distanza, io e la mia famiglia volevamo un po’ di tranquillità e quindi in realtà abbiamo alloggiato proprio a Nizza.
La prima cosa a cui tutti hanno pensato è stata la sicurezza, mettere al sicuro il cast, poi il giorno dopo abbiamo ripreso i lavori di questo progetto che costa milioni di dollari. Abbiamo obblighi contrattuali e abbiamo dovuto lavorare anche il giorno dopo, in un ambiente che non è l’ideale per filmare. Ci è sembrato molto frivolo e quasi sbagliato fare qualcosa di stupido come un fottuto film proprio il giorno dopo a quello che era successo.

 

Jamie Dornan sembra davvero scosso da quella esperienza, ma è ottimista invece sui sequel Cinquanta Sfumature nonostante il cambio del regista e dello sceneggiatore.

 

La sensazione generale era che qualcosa era sicuramente cambiato sul set perché nella parte superiore della piramide c’è tutta l’energia del regista che ricade sui 200 membri del cast e della troupe. Alcuni elementi sono cambiati, ma la maggior parte è lo stesso gruppo di lavoro e gli attori sono gli stessi quindi per la maggior parte è cambiato poco.

 

 

 

– Intervista esclusiva per Cooming Soon USA.

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.