Il mio incontro con Jamie Dornan a Belfast

 

 

Una fan del Nord Irlanda racconta la sua avventura sul set della serie “The Fall” a Belfast dove ha tampinato – e conosciuto – Jamie Dornan.

 

 

CYjQnckWQAAZVLa

 

 

“Avevo programmato l’incontro con Jamie Dornan per lunedì 11 gennaio quando avrei provato a visitare il liceo di Belfast, set di “The Fall”. Purtroppo un indisposizione mi ha fermata e ho dovuto rivedere il tutto.

(….) Ovviamente ci abbiamo riprovato. Avevo appuntamento con altre fan irlandesi e lì sul posto abbiamo trovato anche fan dalla Francia!

Abbiamo subito intravisto Jamie, durante la sua pausa pranzo, mentre si aggirava tra i caravan al telefono e con un paio di vistosi stivali. Poi è uscito dalla nostra vista finchè abbiamo visto arrivare il suo autista con una Mercedes blu e abbiamo cominciato a chiederci se avesse trovato il tempo di salutarci.

Poco dopo un tale da lontano ci ha inquadrate tutte, forse per controllare quante eravamo ed infine, pochi minuti dopo, si è materializzato il sogno: Jamie.

E’ stato un momento surreale.

Ecco che avanzava verso di noi Jamie Dornan.

Si, Jamie Dornan in carne e ossa.

Stava ancora controllando il suo telefono mentre mangiava una fetta di ananas. Ha subito terminato e ha iniziato a far foto con tutte.

Una delle prime cose che ho gli sentito dire non appena ripresi il mio lume di ragione, era che gli pareva strano che ci fosse un uomo ad attenderlo al cancello. Gli ho detto che era mio marito e che io ero lì per fare una foto con lui. Lui ha scherzato “Allora sei tu il fotografo ufficiale!”

Una mia amica gli ha fatto firmare il suo calendario e lui, sapendo di non avere un calendario ufficiale ha scherzato: “E’ una delle due copie vendute?”
Ovviamente abbiamo tutte riso di questa battuta.

Jamie si è sincerato che tutte noi avessimo la nostra foto e il suo autografo, ci ha salutate. Noi lo abbiamo ringraziato e lo abbiamo visto allontanarsi verso il suo caravan.

Era vestito di grigio scuro, stivali a parte, è alto ma è molto più magro di quanto mi immaginassi.

E’ difficile non essere in soggezione verso di lui, anche se sappiamo tutti che è il più sereno, umile, ragazzo normale che tu possa mai desiderare di incontrare.

Posso garantirvi che da quando ho visto lui mangiare l’ananas non guarderò più quel frutto allo stesso modo! ;)”

 

 

 

 

Racconto di Suranne (Jamie Dornan NI)