Il discorso di Dakota Johnson agli Hollywood Film Awards 2017

 

 

Il discorso di premiazione di Dakota Johnson agli Hollywood Film Awards 2017.

 

 

 

 

 

Non ho mai vinto un premio del genere, ma non fa nulla. Potrei vincerne uno stasera, se volete. Sono qui per presentare il premio per la categoria Breakout, per la performance di un attore, e una mia lettera personale ad un artista squisito, Timothee Chalamet. Nel film ‘Call Me By Your Name’, Timothee interpreta il ruolo di Elio, un ragazzino precoce che passa l’estate in Italia con i suoi genitori negli anni ’80. Scoppia la passione tra questo ragazzino e l’amico del padre, un giovane laureato, interpretato da Armie Hammer. I due si confrontano su vari argomenti, quali dibattiti intellettuali, il sud dell’Italia, le radici ebree, e l’esplorazione della loro sfera sessuale. Questa storia che include dramma e fa intravedere il percorso di vita di un ragazzo, nasconde anche una storia d’amore. La performance di Timothee lascia senza parole. La sua interpretazione racchiude una vulnerabilità toccante e guizzi di vita nascosti. È un ragazzo pieno di sogni, il battito del cuore che si sta pian piano sciogliendo nel vostro petto. Per intrerpretare al meglio il percorso di questo giovane ragazzo, Timothee ha fatto ricerche sulla cultura Italiana negli anni ’80, ha imparato la lingua ed è riuscito ad imparare a suonare il piano nel giro di poche settimane. Il risultato di questo intenso lavoro, è un veritiero ed eloquente ritratto del primo amore, racchiuso in un film chiamato ‘Call me By Your Name’.

 

 

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.