Happy Birthday Anastasia Steele da E L James

 

 

La protagonista indiscussa della serie Cinquanta Sfumature di E L James compie oggi 26 anni!

 

Happy Birthday Anastasia Steele!!

 

Donna d’acciaio come suggerisce il suo cognome che riesce là dove le sue predecessore hanno fallito: accaparrarsi un uomo come Christian Grey, croce e delizia – più delizia – di tutte le donne!

E L James festeggia Anastasia con una abitudine consolidata: un outtake ( o racconto data la terza persona nel narrare) dal libro Cinquanta Sfumature di Rosso!

 

 

Buon compleanno, Ana. © 2015 E L James

 

Ana diede un’occhiata all’orologio; aveva mezz’ora prima di raggiungere Christian a casa. Forse avrebbe dovuto andarci presto. No . . . Lo avrebbe fatto aspettare. Fece un gran sorriso, tirò fuori un manoscritto sentimentale a caso dal mucchio e iniziò a leggere:

 

Fu la lingua di lei a catturare la sua attenzione per prima. Era piccola e rosa, e leccava con furore il gelato sciolto che sgocciolava a rigagnoli sul cono. Lei tentò con delle piccole, delicate leccate, facendo guizzare la sua lingua tra e sopra le dita, ma era una battaglia persa. Poi, con un unico, lungo movimento trascinò la sua lingua su per il cornetto e sulle dita.

Fanculo. Il corpo di lui si irrigidì inaspettatamente. Si accigliò e si mosse a disagio sullo sgabello.

Provò a guardare in un’altra direzione, a spostare lo sguardo sul suo caffè tiepido. Ma il piacere infantile sul volto di lei, i suoi occhi scuri che brillavano, e il modo in cui il venticello di fine estate stuzzicava i suoi lunghi capelli color nocciola lo indussero a tornare a fissarla attraverso la finestra del bar.

Gli occhi di lei ispezionarono il molo per controllare che nessuno la stesse guardando. Era un mite pomeriggio di settembre; un venerdì, e non c’erano molte persone in giro. Morsicò il pezzettino finale del cono, avvolgendo le sue labbra sull’estremità e succhiando. Succhiò forte, e la vaniglia sparì nel vortice che lei aveva creato. Il mondo di lui si congelò. I pochi turisti brulicanti scomparvero, e come il gelato fu risucchiato anche lui nel vortice, sotto l’incantesimo di lei. Il suo corpo si eccitò di nuovo.

Lei alzò lo sguardo, improvvisamente conscia che qualcuno la stesse guardando, e i loro occhi si incontrarono attraverso il vetro della finestra; dai verdi ai marroni. Lei piegò la testa da un lato e lo fissò audacemente. Lui voleva distogliere lo sguardo ma era rapito –beccato a sbavarle dietro, come un adolescente bramoso. Sì. Questo era quello che stava facendo. Sbavare dietro a questa ragazza.

Ti stai godendo lo spettacolo?” gridò lei. Lui non capiva se fosse arrabbiata, felice o peggio. Avrebbe voluto risponderle, Tanto quanto ti sei goduta quel gelato, ma non lo fece. C’era una coppia di anziani dietro di lui, che stava assaporando una Cream Tea [merendina inglese, n.d.t.] di metà pomeriggio, e lui non voleva disturbarli. E, ovviamente, era timido.

Lei inclinò la testa dall’altra parte. “Allora?” urlò.

Lui alzò le spalle, imbarazzato. Non aveva vergogna quella ragazza a gridare verso uno sconosciuto totale quando altre persone potevano sentirla?

Lei fece qualche passo verso di lui, aveva delle gambe lunghe e una gonnellina estiva, e lo fissò da sotto le lunghe ciglia. Svuotò l’interno del cono con quella piccola lingua rosa e succhiò ancora fino alla fine. Lui era senza parole. Lei indossava una maglietta bianca attillata, una gonnellina di jeans aderente , era magra ma formosa –molto formosa. Sobbalzò di nuovo sul posto. Lei demolì il resto del cono, ma un’ultima goccia di gelato scivolò dalla sua mano al polso. Senza distogliere gli occhi da lui, lei la leccò, baciando la punta di tutte le dita una volta terminato. Lui soppresse un gemito. Usando la stessa mano, lei lo salutò.

Inconsciamente lui le ritornò il saluto, poi si accigliò ed abbassò il braccio. Lei riversò indietro la testa e rise. Di lui? Con lui? Non lo sapeva, ma la sua risata era contagiosa, e sorrise. Lei fece un sorrisone e per qualche strana ragione batté le mani e si avvicinò alla porta del bar.

Merda. Sta entrando. Un attimo dopo lei era in piedi di fronte a lui, le sue guance rosate erano arrossite –dall’imbarazzo? Dall’eccitazione? Lui non lo sapeva. Lei era più carina e più grande di quanto lui avesse pensato prima.

Ciao” disse lei, porgendogli quella che lui sapeva essere una mano appiccicosa. Sentì una fitta al pensiero di suo figlio piccolo.

Ciao” rispose. Afferrando la mano offerta e stringendola con gentilezza.

Sei un Americano [detto in slang, Yank. N.d.t.]?”

Sono americano, sì”.

Mi merito un caffè per il mio piccolo spettacolo?”

Lui barcollava. Era seduto, ma aveva le vertigini.

Certo”.

Alzò la mano e la giovane cameriera annoiata lo raggiunse.

Due caffè per favore” disse lui.

Un Cappuccino e un Americano” lo interruppe Miss Gelato sorridendogli. La cameriera le diede una vaga occhiata di disgusto e andò lentamente al bancone.

Quindi, che ci fa un americano attraente al molo di Southwold nel bel mezzo del pomeriggio?”

Attraente? Le parole colpirono il suo delicato ego.

Affari, per lo più”.

Sembra che sei andato a pesca” il suo tono era giocoso.

Oggi a pesca, Siediti pure”. Pensò fosse strano, come lei si fosse fatta avanti a presentarsi e avesse insistito per il caffè, ma ora esitasse a sedersi accanto a lui, aspettando un invito.

Si sedette sullo sgabello vicino, e lui riuscì ad esaminare il suo adorabile viso. Era sulla ventina, non l’adolescente che credeva all’inizio. La sua coscienza e la sua libido erano più tranquille ora, ma era comunque troppo giovane. Troppo giovane per cosa?

Che cosa fai quando non vai a pesca?” chiese lei, con i suoi occhi neri sprizzanti di curiosità, giocherellando con le dita attorno al collo.

Guardo le giovani donne mangiare il gelato”.

Lei inarcò il sopracciglio.

Lo fai suonare volgare”.

Il viso di lui si scaldò. Cosa diamine l’aveva indotto a dire quella cosa? Forse il modo in cui la punta di quella lingua spuntò fuori dalla bocca di lei mentre umidificava il labbro superiore. Ciò lo fece smuovere di nuovo. Lui arrossì ancora, imbarazzato dalla reazione del suo corpo. Ho quattordici anni?

Davvero?” disse lui, e la sua voce era rauca.

Davvero. Era la mia tecnica?”

Lui le strizzò l’occhio. Lei stava flirtando con lui. Flirtando!

Mi piace il risucchio” rispose lui, meravigliato da quanto facilmente tornò alla chiacchierata.

Piace a tutti” sogghignò lei.

Come non potrebbe?” Come diavolo aveva fatto questa conversazione a scendere sul volgare così velocemente?

Il suo sorriso si allargò, e lui non potè fare altro che imitare la sua espressione.

Sembri un uomo che sta per i fatti suoi”

Era così ovvio?

Viaggio da solo” rispose.

Lei si chinò in avanti e si guardò attorno cospirativamente, prima di guardarlo negli occhi. Il respiro di lui si bloccò in gola ad averla così vicina.

Bene. Perché sembri anche un uomo che ha bisogno di una bella scopata”.

Il tempo si fermò . . . L’ha sentita bene? Ha detto veramente “scopata”?

Le chiedo scusa, signora?”

Hai sentito bene”. Sorrise.

La guardò a bocca spalancata, senza parole. Tutti i preconcetti che si era fatto sull’innocenza e sulla semplicità caddero ai suoi piedi miseramente.

Vieni, dimenticati del caffè”, bisbigliò lei. “Fottere è meglio di andare a pesca, e tu sembri averne bisogno tanto quanto me. Oggi è il tuo giorno fortunato”.

 

Il cellulare di Ana vibrò sulla scrivania del suo ufficio, interrompendo la sua lettura. Era un messaggio di Christian.

 

Vieni a casa. Ora.

Il tuo regalo di compleanno è pronto.

Non è un invito.

 

Ana sorrise, un brivido delizioso le corse lungo la spina dorsale e gli rispose.

 

Sto arrivando, Mr. Grey.

 

 

 

 

12003888_910864098987924_2633080541201565534_n

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.

 

 

 

27 commenti

    • Eli

      L’ho letto due volte e mi sembra di aver capito.. Allora, a quanto pare Anastasia è a lavoro ed è il giorno del suo compleanno.. Quando guarda l’orologio si accorge che tra mezz’ora dovrebbe tornare a casa da Christian, ma si sa com’è lei, con il suo carattere vuole farlo aspettare allora prende un manoscritto e comincio a leggerlo.. Legge quel pezzo dove una donna conosce quel ragazzo al bar. EL JAMES ha detto più volte che stava scrivendo un altro libro, mettendo un po’ da parte il sequel di Grey. Secondo me e secondo molte altre ragazze essa ha inserito un pezzo del romando che sta scrivendo ovvero di quella donna con il gelato e via dicendo. Poi ad un certo punto mentre legge quella storia gli arriva un messaggio e viene distratta, ed è Christian che gli dice di tornare a casa perché il suo regalo era pronto.(autoritario come sempre)
      Questo è tutto, spero di essermi spiegata bene:)

  1. mg

    Forse, la James ha inserito questo pezzo di un romanzo che magari sta scrivendo, al di fuori di 50 sfumature. Ed era un’esca per incuriosirci al riguardo. Infatti ha ripetuto piu volte di essere impegnata a scrivere ‘altro’. O forse è tutta una mia fantasia ahah

  2. Marta_2010

    Ma neanch’io! Qualcuno ce lo spiega?
    Sono un po’ delusa, mi aspettavo un inedito con protagonisti Ana e Christian, magari con i loro bambini…
    Bah!aspetto una risposta da qualcuno!
    🙂

    • Eli

      Ho pubblicato al di sopra, in una risposta ciò che ho capito… Non so se mi sono spiegata bene. 🙂

  3. Sabrina

    A me sembra di aver capito che fosse qualcosa che stava leggendo Ana, perché alla fine dice che un messaggio di Christian la interrompe dalla sua lettura! Poi può essere che mi sbaglio :3

  4. Sabrina

    PS: anche all’inizio dice che Ana inizia a leggere un romanzo sentimentale a casa nel frattempo che aspetta, quindi penso sia proprio così! E magari si è un qualche estratto del libro che progettando la James 🙂

  5. Sabrina

    *caso *sta
    scusate la fretta di scrivere mi fa fare errori che mi fanno sembrare dislessica :/

  6. Eli

    Sono d’accordo con la ragazza che ha scritto che secondo lei quel piccolo pezzo che Ana legge di manoscritto è di qualche libro che sta scrivendo EL JAMES, o non so…magari pura fantasia.
    Comunque sia, sempre autoritario Christian AHAHHA

  7. Kami

    E’ un racconto inedito. Anastasia mentre attende l’ora di recarsi da Christian legge un manoscritto nel suo ufficio (SIP).

    Poi inizia l’estratto del manoscritto.

    Finisce quando Ana riceve un messaggio di Christian che le ordina di andare a casa da lui che ha un regalino di compleanno per lei

    Idea originale quest’anno, molto apprezzata.
    Ciao a tutte 🙂

  8. Chiara

    Questo nuovo estratto l’ho capito, però potrebbe racchiudere anche vari piccoli segreti, perché si sa: con la James non si scherza, e tutto ciò che apparentemente sembra, non lo è..
    Come qualcuna ha detto, può darsi che il manoscritto che Ana sta leggendo in realtà sia veramente un estratto del nuovo romanzo a cui la James sta lavorando (la famosa duologia 😀 ), oppure come abbiamo pensato io e altre amiche, anche un pezzo di un libro scritto dalla stessa Ana. Altrimenti, l’alternativa più semplice, è soltanto uno dei tanti manoscritti di un autore qualsiasi che Ana deve leggere per lavoro…
    Per me tutto è e rimarrà un mistero quando si tratta della cara Signora Leonard hihihihihi 😉

  9. Costanza

    Veramente deludente questo pezzo scritto dalla James. 🙁

    Il racconto che legge Anastasia è alquanto volgare…

    Mi sarei aspettata di più per il compleanno di un personaggio letterario così speciale e che ho amato moltissimo.

    Tanti auguri, mia cara e dolce Anastasia. <3

  10. Claudia

    Sinceramente non mi fa impazzire O.O”
    Ana vai da Christian che è meglio 😉

  11. Chiara

    ma che è sta ca…..ta??? XD scusate ma quando ci vuole ci vuole!!!!!!!!
    ahi ahi ahi ….di male in peggio!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  12. Federica

    Mmmm non è che mi faccia impazzire sinceramente, anzi, non mi piace proprio!! ma devo ammettere che anche a me è venuta l’idea che potesse essere un passaggio del suo nuovo scritto.
    speriamo di no, ma stiamo a vedere!

  13. Virna

    Io non l ho apprezzato per niente
    Essendo
    Il compleanno di Ana avrebbe dovuto scrivere qualcosa su di lei e su Christian
    Invece ha scritto due righe su di loro e un pezzo di “racconto” che fa veramente cagare ( scusate il termine)
    Se dovesse essere il suo nuovo romanzo le uniche parole che mi vengono in mente sono: o mio dio!
    Non mi piace
    Non dice e non trasmette niente
    Vorrei proprio sapere chi è il genio che ha apprezzato

    • Chiara

      ahahahhahahahahahhahahahahhaha ,me lo chiedo anch’io!!!!!!! e magari che ci spiegasse cosa c’è di bello…..magari ha colto cose che noi poveri ignoranti non abbiamo visto XD

  14. Federica

    Chiara e noi qui a imparanoiarci!! xD ahahahahah a farci tutti i film, chissà quante risate si farà

  15. Costanza

    Concordo con Virna, Chiara, Federica e Claudia. 🙂

    Avrei desiderato da parte della James un pò di buon gusto.

    E se anche il pezzo di questo manoscritto fosse la parte di un nuovo romanzo che sta scrivendo, le premesse, di certo, non sono delle migliori…

    Dopo le la trilogia delle sfumature, nutro seri dubbi sul futuro della James come scrittrice.

    Se continua di questo passo, i fan la seguiranno fino a un certo punto, penso, credo, perché i gusti altrui sono sempre imprevedibili e, a volte, contro ogni aspettativa, sorprendenti. 🙂

    • Federica

      Ciao Costanza 😀

      Ho sempre pensato che il successo della James sia stato per la maggior parte guidato dal fattore “novità”, nel senso che nessuno prima di lei aveva mai scritto un romanzo su questi argomenti e in questi toni.
      Ha creato indubbiamente dei bei personaggi (insomma, non possiamo non ammettere che Christian Grey rimane uno dei personaggi più rivoluzionari degli ultimi anni) e una storia romantica, coinvolgente e passionale, ma ci sono storie scritte molto meglio per quanto riguarda lo stile di scrittura 😉

      Sarei però davvero curiosa di leggere qualcos’altro scritto da lei 🙂

      • Costanza

        Ciao, Fede!! 🙂

        Concordo con quanto hai scritto.

        Anch’io sarei curiosa, in futuro, di leggere un romanzo della James che non riguardi le solite sfumature, ma sarà l’ultima possibilità che le concederò per dimostrarmi che è una vera scrittrice.

        A tutto c’è un limite! 🙂

        Baci.