Il nuovo capitolo della Fan Fiction dal punto di vista di Christian Grey di Lalla.

Questo capitolo riprende dall’interruzione del capitolo 37° che potete leggere o rileggere cliccando QUI e dove troverete anche il link per il capitolo 36. Fan Fiction (POV CG) di proprietà intellettuale di Lalla in esclusiva per questo sito. Questo racconto pubblicato a puntate è opera di fantasia di una fan della trilogia ’50 Sfumature di Grigio’ alla quale si è ispirata ed è nato come prosieguo della stessa. Non è stato scritto da E L James.

Lettura destinata ad un pubblico di soli adulti. Questo sito non si assume la responsabilità di lettura da parte di minori.

38° CAPITOLO

Esco dal salone lasciandola imbambolata sullo sgabello, ora ha di certo un’ottima scusa per farsi passare l’appetito.
Nel mio armadio trovo i miei jeans piegati perfettamente da Mrs Jones, li prendo ma mentre li scruto come se volessi trovarci chissà quale segno  mi passa la voglia di indossarli.
E Dio solo sa se ne ho bisogno accidenti!

***********************************************************************************************************************************

«Sono nuovi ti piacciono? Sono per te, per la stanza dei divertimenti.»

«Perché devo indossare questi jeans?»

«Perché sarà la tua “divisa” di scena. »

«Hahahahah una divisa? Mi serve una divisa? Mi servono dei vestiti?»

«Non ridere di me Christian, lo sai che non lo tollero. Ogni Dom o Sub ha un suo look, preferisci forse lattice nero attillato o rosso fuoco?»

«Dio mio, per carità, stiamo sul sobrio. Passami quei jeans.»

********************************************************************************************************************************

Cerco di scrollarmi di dosso questa brutta sensazione e quei brutti ricordi e mi concentro su quello che mi aspetta oltre la porta della stanza dei giochi e mi basta quel pensiero per sentirmi leggermente rinfrancato.

Rinfrancato non è il termine esatto Grey. Direi febbricitante, sudato, con l’uccello che freme e… non devo continuare, è passato il messaggio vero?

Si, l’idea di avere Anastasia e la sua lingua biforcuta sotto il mio dominio è la migliore terapia che un uomo possa mai desiderare.

Apro piano la porta immaginandola dietro accucciata. Sempre se ha rispettato i miei ordini.
La trovo accucciata a terra e mi ci avvicino, la vedo tremare e questo già mi eccita. Paura? Eccitazione? Spero sia paura di me, è questa la spinta necessaria per farmi agire, per galvanizzarmi. Come un animale caduto nella mia trappola che non può o non vuole liberarsi.

La evito in modo che l’attesa faccia accrescere il suo desiderio, e mi dirigo alla cassettiera.
Ci sono mille giochi che vorrei fare con lei, ma mi devo sempre ricordare di andarci piano, che sono le sue prime volte. Devo rinfrescare la memoria alle mie prime esperienze, a quello che mi faceva Elena o quello che facevo io alle mie ex. Il pensiero mi deprime, ma è un pensiero che attraversa veloce la mia mente e se ne va.

Prendo l’auricolare continuando a tenere Anastasia nel mio campo visivo con la coda dell’occhio: non si è mossa di un centimetro, che brava sottomessa potrebbe diventare se si affidasse ai miei insegnamenti.

No, non voglio pensare in questo momento al fatto che forse non la vorrei nemmeno in quel ruolo.

Riesci a godertela Grey?

Mi avvicino a lei, anche se a dire il vero non so ancora cosa fare del suo corpo. Ho mille idee in testa, ma nessuna attuabile concretamente.

Paura di farle troppo male Grey?

************************************************************************************************************************

«Lo sai Christian che se vuoi utilizzare certi giochi con me devi tastarli prima su di te? Come fai a sapere il loro benefico effetto o il loro malefico risultato se non li hai mai provati su di te. Come valutarne la giusta intensità se non sai quanto possono fare male?»

«A cosa serve un collare? Non riesco a capire perché.»

«Il perché si potrà capire solo dopo avendone capita l’utilità.»

«L’utilità di un collare da cani? Cazzo, a questi livelli siamo?»

«Ti vedo perplesso.»

«Lo sono.»

«Non importa, lo farai semplicemente perché te lo sto dicendo io. Non conta se tu sei perplesso, non conta se hai qualche timore  e non conta se hai pudori. L’unica emozione concessa e indispensabile è la paura. Devi avere paura Christian, stare sempre all’erta perché questo è tutto un equilibrio, basta una leggera distrazione per rischiare la vita. Ora vieni qua che ti devo mettere il collare e il guinzaglio.»

******************************************************************************************************************************

«Sei una donna splendida, Anastasia. E sei solo mia»

Ma non sarà eterna Grey.

«Ora ti lego al letto, Anastasia. Ma prima voglio bendarti e tu non potrai sentirmi. Sentirai solo la musica che ho scelto per te.»

Sbaglio o sta tremando? Ha ancora paura di me? O è solo eccitazione?

Io so cosa sto provando in questo momento: muoio dalla voglia di fotterla, è quasi doloroso come sempre, è una cosa senza controllo.

«Userò questo. Non farà male, ma farà salire il sangue in superficie, rendendo la tua pelle molto sensibile.»

******************************************************************************************************************************

«Lo vedi questo flagellatore? Ti farà molto male, lascerà segni rossi sulla tua pelle, come dei solchi ed è probabile che non resisterai a tale dolore. Lo sai perché lo faccio?»

«Si Signora.»

«Non avrai altra donna all’infuori di me Christian. Io sono unica e devo essere il centro del tuo universo. Non devi avere altri desideri, io sono tutto ciò che tu desideri. E così deve essere per te, tu sei il centro del mio universo, l’unico mio pensiero, la mia ossessione, la mia perdizione.»

«Si.»

«Sarà doloroso e sarà sui tuoi testicoli. Voglio che non dimentichi mai che io sono l’unica per te. L’unica.»

*******************************************************************************************************************************

Le infilo la mascherina sugli occhi e l’auricolare nelle orecchio. Così, completamente nuda è una visione che spacca il cuore.

I Dominatori non pensano a queste cazzate Grey.

Accendo lo stereo sulla sinfonia che preferisco poi prendo il famoso guanto di pelliccia.

****************************************************************************************************************************

«Ho un regalo per te Christian.»

«E’ qualcosa di perverso, seducente e doloroso?»

«No, questa volta potrei stupirti.»

«Cioè?»

«Voglio che mi passi questo guanto di pelliccia sul corpo, come se accarezzassi un gatto. Voglio che mi veneri.»

«Il tuo splendido corpo non ha bisogno di una pelliccia per essere venerato.»

«Lo so Christian, ma devi farlo lo stesso, ho bisogno di delicatezza e dolcezza da te questa notte. Voglio che ancora una volta mi fai capire quanto sono seducente, bella e indispensabile per te.»

«Sei già tutte queste cose.»

«Ma non sono abbastanza!»

«Ma cosa vuoi essere di più?»

«Perché non vedo mai nel tuo sguardo il riflesso delle splendide parole che mi dici?»

***********************************************************************************************************************************

Perché invece ora non riesco a esprimere a parole ciò che il mio sguardo rivela e non riesce a trattenere?

Finisco di venerarla con il guanto, maledicendo la mia mente che non riesce a liberarsi di certi pensieri.

Butto via il guanto e prendo il flagellatore. La colpisco.

«Aaahh!»

La osservo attentamente, è sempre più bagnata, non sta provando dolore, sta godendo, e non poco. Continuo sul capezzolo durissimo e gonfissimo.

«Aaah!»

Continuo a tormentarla a tempo di musica in modo che la melodia soffochi il dolore e passi in lei solo la sensazione di piacere intenso.

Comincia a ondeggiare i fianchi, un movimento convulso, indipendente dalla sua volontà.

Non resisto.

Salgo sul letto e comincio a baciarla e a scendere verso la sua fica, ha un profumo spettacolare: sesso e dolcezza, ed è un ulteriore potente afrodisiaco su di me.
La musica comincia a salire, la prendo per i fianchi e la sollevo tirandola verso di me e con una sola spinta la prendo.
Inizio a muovermi a ritmo della musica.
Come impazzire lentamente.

«Per favore» mi implora mugolando.

Mi fermo. Deve impazzire.

****************************************************************************************************************************

«Non hai il minimo autocontrollo Christian. Sei deprimente.»

«Deprimente?»

«Come pensi di far godere una donna? Martellandola col tuo grosso uccello dentro e fuori senza coinvolgerla nel rapporto?»

«Pensavo si scopasse così, non sapevo ci fosse altro modo.»

«Così scopano tutti gli uomini, la massa, ma tu devi distinguerti dalla massa. Devi imparare a controllarti, devi mantenere i nervi saldi fino a fare impazzire una donna.»

«Non riesco a farlo, è impossibile trattenersi per tempi così lunghi!»

«Nulla è impossibile se si ha la giusta motivazione Christian!»

*******************************************************************************************************************************

Si, forse una volta riuscivo benissimo a controllarmi, ma ora mi sembra di scalare una montagna.

E’ inevitabile crollare quasi subito dentro di lei. Inevitabile. La musica si ferma, ritorniamo alla realtà.

«Complimenti»

Le mormoro estasiato e mentalmente distrutto. Fisicamente potrei reggere almeno altre due scopate come questa, ma ho i nervi a fior di pelle, ho ancora brividi ovunque, esperienze come queste ti lasciano completamente svuotato. E vivo.

«Cos’era quella musica?»

Mi fa ridere il suo modo di parlare, è completamente distrutta.

«Spem in alium, un mottetto per quaranta voci di Thomas Tallis.»

«Era… travolgente.»

Ah, puoi dirlo forte piccola.

«Ho sempre desiderato scopare con questo accompagnamento.»

«Non sarà un’altra prima volta, Mr Grey?»

«Proprio così, Miss Steele.»

E ti sfugge il fatto che non ti ho fatto male con quel flagellatore, nato solo per le punizioni corporali. Anche questa una prima volta.
E non sai che non ho mai usato le cuffie con una donna. Anche questa una prima volta.
E cosa più importante, tu non sai che ho avuto la resistenza di un topolino. Anche questa una prima volta. Purtroppo.

«E’ ora di portarti a letto piccola.»

«Dormirai con me?»

«Certo.»

****************************************************************************************************************************

«Perché non mi vuoi nel tuo letto Christian? Capisco tante cose del tuo passato, ma questa mi sfugge.»

«Ho bisogno di stare solo nel letto.»

«Pensi che voglia rannicchiarmi su di te come un adolescente?»

«Perché correre il rischio?»

«Oh andiamo, non ci sono segreti tra noi e questa cosa non la capisco proprio.»

«Vedila come un mistero di Christian Grey di cui nemmeno lui ne è a conoscenza.»

********************************************************************************************************************************

«Vuoi che ti faccia un bagno?»

«Mmmmm, no, ho tanto sonno.»

«Sei adorabile Anastasia, unica e adorabile, la rovina di ogni uomo. Croce e delizia»

Ma ormai lei non mi sente più. L’abbraccio da dietro mentre scivola subito in un sonno profondo.
Spero quanto prima che inizi l’allenamento con Claude. No, Claude no, troppo seduttore con le donne, meglio affidarla a Sean. E’ un ottimo professionista, uno dei migliori sul mercato, dovrebbe metterla in riga nel giro di tre mesi, forse quattro, così poi ci possiamo divertire sul serio.

Tre mesi Grey? Pensi davvero che lei sarà ancora qui tra tre lunghissimi mesi?

Mi rigiro supino staccandomi da lei e cominciando a sudare. Fisso il soffitto che sembra abbassarsi inesorabile verso di noi. Ci schiaccerà e per colpa mia morirà anche Anastasia. Alzo le mani verso il soffitto, Dio mio, è un trucco di Leila, tutto questo è opera di Leila! Allungo ancora di più le braccia verso il soffitto, cercando di fermarlo, ma più spingo più ho l’impressione di combattere contro l’impossibile. E’ duro, freddo e continua ad abbassarsi su di noi. Tra poco ucciderà Anastasia.
Vorrei urlare, ma non riesco a farmi sentire da nessuno, perché nessuno mi ascolta?  Vedo solo Leila in piedi davanti al mio letto che guarda inorridita Anastasia: il suo sguardo è disgustato ma con una nota sinistra, sembra quasi soddisfatta. Mi giro lentamente dalla parte del letto dove dorme Anastasia e la vedo con la testa girata all’indietro, in una posa innaturale.
Il sudore mi scende sulla fronte mentre mi si attanagliano le viscere, le scosto il lenzuolo e trovo tre pallottole all’altezza del cuore mentre giace in una pozza di sangue.

E’ stata Leila.

Sei stata tu! Me l’hai ammazzata!

Continuo a urlare, ma dalla mia bocca non esce nulla.

Mi sveglio di soprassalto e guardo subito verso Anastasia. Dorme profondamente come una bambina.
Un altro incubo, ma perché ora? E’ stata una serata serena con Anastasia. Non felice ma almeno serena, senza pensieri.
E cosa faccio ora?
Crollo sul letto, ho ancora il cuore che sfreccia a 100 chilometri l’ora e sono sudato fradicio. cerco di resprare profondamenmte, ma non riesco  a calmarmi, l’immagine di Leila qui nella stanza era così viva…. così reale…
Dovrei bere qualcosa di forte per calmarmi, ma non posso continuare così.

Mi alzo e vado verso il salone dirigendomi alle vetrate. Seattle dorme sotto di me, ai miei piedi.
Questo è un momento buio per me, non riesco a capire perché il ritorno di quegli incubi nonostante la presenza di Anastasia. In passato bastava lei a tenerli lontani dalla mia mente, questa volta invece no, se ne sono fottuti di lei e sono tornati.
Si, il soggetto non è lo stesso, ma è pur sempre un incubo.
Muoio di curiosità, voglio sapere perché ho sognato questo. Vorrei chiamare Flynn ma è davvero troppo presto.
Mi siedo al pianoforte e comincio a suonare.

********************************************************************************************************************************

«Perchè suoni a quest’ora Christian?»

«Mi rilassa.»

«Solo?»

«No, tiene alla larga i cattivi pensieri, è come una terapia, o una piccola magia.»

«Sei molto bravo.»

«Ho avuto i migliori insegnanti.»

«Posso sedermi vicino a te mentre suoni?»

«Preferisco di no, vorrei stare solo se per te non è un problema.»

«Certo, ma questo rifiuto ti costerà una punizione, non sopporto che tu mi rifiuti. Non posso tollerarlo!»

******************************************************************************************************************************

Avverto una silenziosa presenza alle mie spalle. Potrei riconoscerla tra mille anche se senza bisogno di vederla.

«Dovresti essere a letto»

«Anche tu»

Sorrido mentalmente, inutile, non riesce a tenere a freno quella dannata lingua. Ma è viva, sta bene, ma è davvero protetta qui con me?

«Non riesco a dormire.»

Lei si avvicina a me e io la bacio sulla fronte.

«Perché suoni solo musica triste?»

Oh Anastasia, sapessi il mio tormento interiore…. vorrei tenerti qui e vorrei mandarti via, è una lotta continua dentro di me.

«Perché sei sveglia? Non dovresti riposarti dalle fatiche di ieri?»

«Per me sono le otto del mattino. E devo prendere la pillola.»

Ecco una cosa che mi ero già dimenticato.

«Dunque, cosa possiamo fare  nella prossima mezz’ora?»

Accidenti! E’ davvero sveglissima la ragazzina! Beh, in questo caso accantoniamo Flynn, Leila, i vecchi ricordi e i pensieri negativi e offriamoci alla donzella.

«Mi vengono in mente un paio di cose.»

Ho giusto un’idea che scommetto….

«Oppure possiamo parlare»

Interrompe di scatto il filo dei miei pensieri. Parlare? Ancora? E di cosa?
Oh Anastasia, meglio di no, non è il momento per parlare questo.

 

 

FINE 37° CAPITOLO

 

Vietata la riproduzione di questi contenuti o parte di essi.

 

Se vuoi inviarci la tua Fan Fiction a puntate leggi il regolamento cliccando QUI. Tutti i lavori dovranno essere in esclusiva, non saranno accettati lavori scritti da minorenni

50 commenti

  1. lolly74

    come sempre troppo corto ma favolosooooooo….. nn vedo l’ora del proxx….ciao a presto…. 😉

  2. Anna

    Stai prolungando l’agonia. Sta per finire e sappiamo tutti che non continuerai (purtroppo). Almeno quei 5 giorni senza Ana in cui matura l’idea di riprendersela????
    Sei stata meravigliosa Lalla. Sempre meglio. Brava.

    • Ana x

      Mi unisco all’accorato appello, almeno i “5 giorni che t’ho perso” non ce li puoi negare 😀

    • Lalla

      Grazie Anna!! Si, un accenno si, ma non tutti i 5 giorni.. una specie di epilogo diciamo.. non so ancora come lo svilupperò. A dire il vero all’inizio avevo chiaro in mente il personaggio e cosa fargli fare, ora il finale lo sto scrivendo improvvisando volta per volta.

      • Anna

        Sarà perfetto lo so. Grazie per la concessione……..se ti scappasse la manina a scrivere anche il primo incontro (alla mostra di Josè per intenderci) non fermarla ti prego, magari ci prendi gusto!!!!!
        Spero vivamente che tu cambi idea. Baci

  3. Ana x

    Tu vuoi costringermi a leggerti dall’ufficio e farmi licenziare vero?
    Scherzi a parte, trovo geniale questa idea alla fine del romanzo di far conoscere un po’ di passato di CG e sono curiosissima, chi è la donna dei suoi ricordi? Leila non può essere perché mi pare sia lui il sottomesso, quindi dovrebbe essere Elena giusto?
    Oppure tu diabolica ti stai inventando un nuovo personaggio?

    • Romina

      Penso….ovvio che non posso esserne certa…che sia quell’Elena (che a me sa proprio sulle balls tra l’altro) ….considerazione scaturita dal fatto che sia stata l’unica dominatrice di Chistian…poi è sempre stato lui il Dominatore….e le altre 15 le sottomesse!

      • Desi

        Si, è Elena sempre se Lalla non si è inventata una nuova evoluzione della storia quindi una nuova Dom per CG, ma mi sembra più una maestra questa, quindi direi che è Elena.

    • Lalla

      Si, è Elena, e quei flashback sono il suo passato con lei. Penso di farla ancora più cattiva, ma non so se riesco come tempi…

  4. Lucia

    Ho letto tutti i capitoli, tutti d’un fiato, trattenendo il respiro, assaporando ogni singola parola…E’ quasi come se fossi stata seduta in un angolo ad osservare e percepire i pensieri ed i sentimenti contrastanti che vive Christian…Il tutto grazie a te, Lalla…Grazie alla tua scrittura che ci fa sognare tenendoci compagnia…Continua cosi, sei davvero brava…:-)

  5. Romina

    Grazie …. bellissima….ed ora attendiamo il seguito…in trepidante attesa!

  6. Romina

    Non continuerai?????? Oddio che brutta notizia….davvero? Peccato, speriamo che tu possa ripensarci Lalla, lo spero davvero……..

  7. Viviana

    Molto bello e intrigante Lalla e bella l’idea dei flash back sul suo passato.

    • Lalla

      Si, da qui alla fine volevo far sapere un po’ del suo passato sempre secondo il mio punto di vista. Sono contenta che sia piaciuta l’idea

  8. Konny

    Come non continuerai???? Voglio vivere tutte le emozioni e i pensieri CG quando Ana lo abbandona tramite le tue parole!!! Daiiiii non puoi farci questo…, ripensaciiiiii 🙁

    • Romina

      si infatti almeno quei giorni per favore scrivili 🙁 sono i più belli….e i più brutti per Christian…..per favore…..

      • Lalla

        Un accenno si, ma sono troppi giorni… troppi davvero.. magari lo faccio suicidare 😀 😀

  9. Desi

    Bellissima la cosa del suo passato Lalla! Davvero originale! E’ tutta la mattina che aspetto il capitolo e non posso credere che non continuerai col nero. Hai pensato a noi?????

  10. Kiki

    WoooooW e ancora WoooooooooooW!
    Tu sei sempre avanti anni luce!! Number oneeeeeeeeeeee!!
    Stupisci sempre, mai noiosa e sempre inaspettata!
    Tua devota lettrice

  11. Kiki

    P.S. insomma a sto Grey non c’è verso di fargli toccare il pacco….

  12. Carlotta

    Sai una cosa? Mi ha commosso ripensare a lui in versione Sottomesso, Io sono convinta che lui in fondo non volesse diventarlo, credo che sia stato plagiato dalla nave scuola matura e figona. E ahiaaaa la punizione nelle balls, porello 🙁

    • Lalla

      hehhehehehehh figata quella punizione vero?? Mi sono ispirata a James Bond….
      La penso come te, per me è stato un po’ plagiato, è stato un imprinting sessuale con Elena e come tale ha conosciuto solo quello….

      • ROSANERA

        Concordo con entrambe.
        Lei cattivissima mi piace da morire, e anche lui mi piace come Dom crudele…. eccitante.

  13. tania

    bellissimoooooooooo marto continua con il neroooooooooooooooooooo

    • Lalla

      Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!
      No, non ce la faccio proprio

  14. Irma

    Brava Lalla come sempre! so che non vuoi continuare col Nero, ma spero che ci racconterai almeno come ha trascorso i 5 giorni dopo Ana secondo la tua interpretazione, ci contiamo……..baci e al prossimo capitolo.

    • Lalla

      Grazie 🙂
      Tutti i 5 giorni noooooooooo!! Che cosa gli farei fare per tutto quel tempo?? 😛

  15. Isabella

    Bellissimo Lalla!!!
    Complimenti x l’idea dei ricordi…e x la cronaca si capisce lontano un miglio che si sta parlando di quella stronza di Elena, non so come le altre abbiamo avuto dei dubbi o incertezze nell’inviduarla!
    Anche io spero in un tuo capitolo o apitoli dove racconti il suo dolore e di conseguenza il suo cambiamento!!!mi piacerebbe anche sapere cosa pensa quando la rivede ma so di chiederti troppo! Pensaci ti prego

    • Lalla

      Di certo ci sarà un assaggio del “dolore” di lui, ma poi non continuerò.
      Grazie dei complimenti e che mi leggi sempre!
      Un bacione

  16. silvia

    Che meraviglia, i vecchi ricordi che vanno di paripasso con la storia…….adoro adoro adoro te Lalla e il tuo meraviglioso modo di scrivere. Mi unisco anche io all’appello di tutte se proprio non vuoi fare nero e rosso almeno, che so un paio di capitoli per dare un finale con i fatti salienti, con la tua versione ovviamente non puoi lasciare in sospeso la storia..ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Lalla

      Grazie dell’adorazione 😀
      La storia per me finisce nel grigio, io stessa non avrei mai fatto il continuo e il libro sarebbe davvero entrato nella storia. Il seguito è, a mio parere, per accontentare lettrici sognatrici e non per fare un vero e proprio libro. Sembra più una sceneggiatura scontata.

    • Lalla

      Si vero? 😀
      Come dice lui l’attesa accresce il desiderio 😀

  17. Lu92

    Ehi lalla xkè tt dicono k non continuerai con gli altri libri????x favore continua sei strepitosa ormai con te è come se la storia fosse completa con il punto di vista di christian x favore continua…sarei curiosa di scoprire quali altri pensieri abbia il nostro Dom nel momento della proposta, del matrimonio, del coinvolgimento di hyde e del bambin….dai dai 🙂

    • Lalla

      Ciao, vorrei riuscire a finire qualcosa di mio e continuare a sondare la personalità di Christian mi porta fuori strada e rischio di copiare troppo da lui

      • Lu92

        mmmmmmm….da un aparte sono contenta x te k vuoi scrivere qualcosa di tuo…xò dall’altra muoio dalla voglia di leggere del tuo christian…sai ormai ci eravamo affezionate a qst sua immagine…pensaci x favore 🙂

        • Lalla

          Guarda, sono partita per scherzo, pensavo di fermarmi dopo 1 o 2 capitoli al max, ma alla fine è quasi 1 anno che scrivo questa storia. Sono davvero stanca

  18. Luna

    fantastico questo capitolo!!! mi piacciono un sacco i confronti che Cristian comincia a fare.. cioè comincia a vedere la differenza del suo comportamento con Ana e con Elena.. bravissima Lalla!!! ..e oddei… le prime volte che lui elenca a mente mi hanno fatta scompisciare dalle risate!!! adoravo i primi capitoli ma più vai avanti più diventi brava!!! complimenti!!! 😀

    • Lalla

      Grazie!! A dire il vero mi divertivo di più anche io i primi tempi 🙂

  19. Lady

    Bellissimo Lalla, il suo passato mi piace da matti. Bravissima, sei la migliore!
    un grosso bacio e spero anche io come tutte che continuerai col nero

  20. Serena

    Ci mancherai Lalla, ma è giusto che tu segua il tuo istinto, hai dedicato quasi un anno x questo, è ovvio che vuoi qualcosa di tuo… Magari se ti resta un pochetto di tempo per noi… 😛

  21. Romina

    Il nuovo capito quando esce? speravo di trovarlo oggi….sigh….