La serata della 65esima edizione degli Emmy Awards si è conclusa con una vittoria per la serie televisiva innovativa prodotta da Dana Brunetti – Trigger Street Production – con il protagonista Kevin Spacey.

house-of-cards[1]

A fronte delle 9 candidature, House of Cards ha vinto nella categoria Miglior regia per una serie drammatica grazie a David Fincher per il pilot della serie.
Questo a dimostrare che le scelte, non sempre convenzionali, in campo di produzioni televisive e cinematografiche del produttore del film 50 Sfumature di Grigio, non deludono. E fanno anche discutere.

Sperando che questa onda di successi includa anche il film adattamento dei romanzi di E L James.

Se volete vedere la lista di tutti i vincitori della serata cliccate QUI.

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.

3 commenti

  1. Lady

    Che Brunetti fosse il futuro di Hollywood si sapeva già dopo The social network. Di questa serie ho letto che è l’innovazione allo stato puro e che solo loro potevano osare tanto.
    Speriamo che mantenga queste premesse anche per il nostro film.
    GO DANA GOOO!!
    FACCE SOGNA’!!!!

    • Carlotta

      Ciao Lady, ma è lui il produttore di questo? Ho letto recensione superbe! Allora stiamo in una botte de fero!

  2. Lalla

    Ho sempre sostenuto che lui è geniale. E farà un film geniale, fuori dall’ordinario e lontano anni luce da ciò che noi tutte ci aspettiamo. Ci stupirà lo so.