Dakota Johnson per Allure Magazine

 

 

 

 

 

Una nuova intervista e un nuovo servizio fotografico dedicato a Dakota Johnson dal magazine Allure che le dedica anche la copertina del numero di febbraio!

 

DTqgZhEXUAEqIRZ

 

 

 

ALLURE MAGAZINE per DAKOTA JOHNSON

 

 

Se si dovesse descrivere Dakota Johnson in una sola parola, direi appassionata.

Proprio come ci si aspetterebbe da un artista del calibro e del suo pedigree hollywoodiano (i suoi genitori sono Melanie Griffith e Don Johnson e sua nonna è Tippi Hedren), ammette prontamente di essere una persona emotiva.

 

“Fondamentalmente, sono aperto e caloroso, nel profondo sono un cuore pulsante, ma quando la tua vita è esposta e quando il film che espone la tua vita espone anche le tue emozioni e il tuo corpo, tutto questo può essere molto spaventoso.”

 

Dakota ha raccontato ad Allure come la sua esperienza nel franchise Cinquanta Sfumature abbia contribuito a plasmarla come attrice e come persona.

 

“Durante tutta questa esperienza, ho imparato che posso esporre il mio cuore e le mie emozioni e posso ancora proteggermi. Posso essere ancora vulnerabile e forte. E’ un flusso e riflusso e una battaglia costante cercando di capire come sono quelle cose che convivono dentro di me. Per questo ringrazio.”

 

Come molti creativi, Dakota trova sollievo nel suo lavoro, soprattutto perché sceglie i ruoli che più le si avvicinano.

 

“Non so come spiegarlo in un modo che non sembri troppo sdolcinato, ma quando sono impegnata in un progetto, ci sono per un certo motivo, e sono coinvolta con le persone sempre per un motivo. È come una sorta di matrimonio particolare con qualcosa che sta accadendo nella mia vita, oppure il personaggio che interpreto ha qualche connessione con qualcosa che sta succedendo nella mia vita.”

 

Fortunatamente, Johnson ha molti amici nel settore, tra cui il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele che l’ha scelta per la campagna pubblicitaria della sua prima fragranza, Gucci Bloom; e il regista Luca Guadagnino. Nel suo stretto rapporto di lavoro con Guadagnino, che ha lanciato Dakota nel 2015 in A Bigger Splash , l’attrice ha rivelato:

 

“Parliamo quasi tutti i giorni, creando e pensando costantemente a ciò che faremo dopo, a come evolveremo… qual è la prossima cosa che proveremo a realizzare? ”

 

La risposta, a quanto pare, è sempre qualcosa contemporaneamente potente e appassionato.

 

“È terrificante, ma è catartico, e questo mi fa battere il cuore.”

 

Così ha detto Dakota quando gli è stato chiesto a  crudo e intimo dell’esperienza emotiva umana che Guadagnino chiede agli attori nei suoi film.

Fortunatamente per noi, oltre ad essere la nostra star di copertina assolutamente eterea, Dakota si è resa disponibile a provare un diverso tipo di esperienza sul set: dall’applicazione di ciglia finte a LED, fino a scattare un selfie usando i suoi piedi.

 

 

 

C’è un’umiltà e autenticità in lei che la fa assomigliare a una persona comune incastrata nel corpo di una persona famosa. Anche quando mi rivela che il suo principale mezzo di trasporto è una Porsche.
Mi dà anche una descrizione di ciò che indossa, che includerò perché sono un giornalista.

 

“I miei capelli tendono molto a sporcarsi, sono un po’ grassi. Indosso jeans neri e vecchi e un giubbotto di jeans. Non ho avuto il tempo di lavarmi i capelli, quindi sono un po’ disgustosa. Più disgustosa che chic!”

 

Immagino. Qualche trucco?

 

Tutti i miei burrocacao hanno un po’ di colore!”

La sua scelta di rossetto oggi è il burrocacao By Terry.

 

Con così tante qualità, Dakota ha un grande difetto nel carattere: non fa pettegolezzi. Alla fine dell’intervista, ho abbandonato tutto il resto della dignità che avevo ancora solo per chiederle qualcosa di succolento. “Per favore! Ti prego. Solo qualcosina.

Lei ruota la testa, ma la giovane star a tempo pieno non può dirmi nemmeno un po’ di pettegolezzi.

 

“Sto cercando di pensare a qualcosa di buono e divertente, e se ascolti questa questa intervista dall’inizio,ci troverai cose ridicole!”

 

 

VIDEO dal backstage