Dakota Johnson, la Dolce e Super Diva

 

 

In occasione della promozione del nuovo profumo di Gucci di cui Dakota è tra le testimonial, una nuova intervista per Fashion Magazine!

L’organizzatore  chiede gentilmente che non vengano fatte domande sul progetto Cinquanta Sfumature, piuttosto fare domande inedite e particolari.

Dakota dopo qualche minuto è seduta sul pavimento in attesa dell’intervista, è scalza e con abiti normali, ovviamente griffati Gucci. Trucco minimal.

“Sei a metà strada” esordisco per incoraggiarla, lei non afferra al volo “Cosa?”. Poi le diventa chiaro e ride guardando gli organizzatori e assicurandosi che davvero la sua giornata sia quasi al capolinea “Quanto potrei andare lontano in questi spazi aperti?”

Ha avuto giorni promozionali frenetici e le chiedo quale canzone o libro rispecchia al meglio le ultime 24 ore.

Oh Dio, bella domanda del cazzo! Dammi 3 secondi!” Dakota prende il telefono e comincia a scorrere. “Non so proprio, questa è una domanda notevole!”

Suggerisco di proseguire, ho già perso un minuto e mezzo e ne ho solo 15 a disposizione con lei.

Dakota comprende cosa significa essere una delle ragazze Gucci con l’avvento del nuovo direttore creativo Alessandro Michele?
L’attrice si dice onorata di essere associata a questo brand così “incredibilmente cool” che eleva la moda ad una forma di arte e incoraggia le donne ad essere vere, autentiche e fedeli a se stesse.
Dakota e Alessandro si sono incontrati ad una delle sue prime sfilate diventando subito amici. Alessandro in conferenza stampa descrisse Dakota come “Super e dolce diva”, aggiungendo anche che “A lei non importa essere diva, è una donna!”

Per Dakota sforzarsi di essere quello che non ha alcuna importanza, anche per questo misura la sua presenza sui Social. Il suo debutto su Instagram, con la cover di AnOther nel periodo promo di A Bigger Splash fu un successo. Perchè scelse quella foto? “Mi piaceva e mi rappresentava in modo giusto ed accurato.”

Dakota ha un rapporto di amore/odio coi Social, forse dovuto ad una vita sotto i riflettori con mamma e papà famosi, idem il patrigno, per non parlare del mito di sua nonna.

“Ho avuto account privati dove posso pubblicare cose divertente e seguire i miei amici, ma è un errore perchè non sento la necessità di espormi in questo modo. Io lotto contro questo perchè vorrei connettermi per parlare di temi di cui sono appassionata con gente che ha i miei gusti, e non poterlo solo fare con i miei amici.”

Il prossimo film di Dakota è il remake di Suspiria e lei ricorda un’audizione in cui era molto nervosa.
“Non potevo credere che stesse succedendo davvero, volare in quell’isola con alcuni dei miei attori preferiti di tutti i tempi. La mia ansia è così strana, può diventare anche un auto-sabotaggio, un piccolo Gremlin che non riesco a controllare.”
Ma poi la determinazione ha sempre la meglio.

Come oggi, così determinata da produrre un film su una delle più grandi falle della giustizia americana: Unfit.
“E’ una storia drammatica e anche scandalosa da narrare come film, con argomenti intensi ed incredibilmente tempestivi. E’ la cosa più fondamentale che una donna ha il diritto di fare.”

Una sua altra passione è un progetto per l’Africa, per lo sviluppo della comunità.
Incoraggiare la creatività – sia attraverso la danza, la musica, la narrazione o l’arte – è il perno distintivo del progetto. “Viviamo un momento storico in cui c’è tanta difficoltà in tutto il mondo, ed è impossibile salvare la vita di tutti, ma non è impossibile spargere una piccola luce e portare creatività nella vita di questi bambini. Questo progetto offre loro la possibilità di sognare e di rendersi conto che possono inventare qualcosa  che li renda felici.”

I 15 minuti sono terminati, mi alzo chiedendo ancora a Dakota se ha pensato a quella canzone che le ho chiesto all’inizio.
“Oh Dio!” Ride e poi emette un sospiro.
Respiro dei Pink Floyd mi viene in mente.

 

 

Intervista Fashion Magazine

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *