pellicola filmLa pazienza, grande virtù, comincia a scarseggiare. I milioni di fan della trilogia “50 Sfumature”, scritta da E L James, sono sempre più impazienti di sapere quando potranno finalmente vedere il film.

Le domande più ricorrenti  riguardano la scelta del cast e l’uscita della pellicola nelle sale, risale a ieri l’ennesimo tweet da parte di una fan alla scrittrice proprio su questo.

Noi ovviamente non abbiamo la sfera di vetro e quindi non possiamo rispondervi, ma vogliamo in qualche modo spiegarvi l’intenso lavoro che c’è dietro ad una produzione cinematografica.

I tempi variano per diversi motivi, da quelli tecnici a quelli pratici, da pellicola a pellicola e vengono decisi quando si esamina un progetto, questa fase si chiama preproduzione e determina anche i tempi, appunto, e i costi.

Una volta che il produttore ritiene idonea un’idea proposta per un film l’affida al soggettista che prepara un breve racconto con la trama del film a grandi linee. A questo punto la palla passa allo sceneggiatore che riscrive in maniera più particolareggiata il soggetto fino ad arrivare al copione vero e proprio, che contiene il film in ogni suo dettaglio, dai dialoghi, azioni degli attori, descrizione degli ambienti e delle scene, inquadrature.

Vi ricordo che nel nostro caso questa fase è appena iniziata e verrà curata da Kelly Marcel. Per un copione ci vogliono all’incirca dai due ai quattro mesi, ma anche in questo caso i tempi sono indicativi. Spesso il produttore interviene in questa fase per apportare dei cambiamenti al soggetto e nella maggior parte dei casi il suo contributo  tende a rendere la storia del film adatta a un pubblico il più vasto possibile,raramente un produttore lascia carta bianca a soggettisti, sceneggiatori e regista.

Non appena la sceneggiatura è pronta si passa all’organizzazione artistica con la scelta del regista prima, degli attori in seguito e quella pratica che riguarda la lavorazione. Quindi ad occhio e croce per avere la notizia BOMBA sul cast dovremmo aspettare febbraio, marzo.

Il direttore di produzione si occuperà in contemporanea di seguire lo sviluppo del film facendo rispettare i tempi ed i budget prestabiliti, reclutando inoltre lo staff tecnico ed i materiali. Il regista intanto sceglierà i luoghi per le riprese e collaborerà con scenografo e costumista.

Anche per il girato non ci sono tempi fissi, possono variare dai venti giorni ai due mesi. I tempi sono comunque molto serrati e seguono piani di lavoro molto dettagliati e precisi, per i film più commerciali la tempistica si sta standardizzando sui venti-trenta giorni lavorativi.

La fase di montaggio si svolge di solito in dieci giorni circa, ma quello che prende più tempo è la fase di post produzione,che va uno a sei mesi, dipende dagli effetti speciali che si decide di applicare alla pellicola. Questi non sono destinati solo a film d’azione, ma vengono utilizzati anche per migliorare aspetti visivi.

Insomma in soldoni, facendo una media standard,un ciclo di lavorazione di un film dura all’incirca un anno. Volendo essere ottimisti, lo sono sempre, per dare un volto alla coppia del momento e vedere sul grande schermo la loro storia d’amore, dovremmo aspettare dicembre 2013 ma ovviamente è una mia ipotesi. Armiamoci quindi di quella grande virtù di cui parlavo prima e continuiamo ad attendere.

Noi nel nostro piccolo vi faremo compagnia e vi terremo sempre aggiornate! 😉

Fonte per le notizie tecniche Google 😉