50 Sfumature di Grigio Film: oltre 30 minuti di scene tagliate

 

In una nuova intervista Anne Marie De Luise, ovvero la Dott.ssa Greene, racconta la sua esperienza sul set, purtroppo non scopriamo perché il suo personaggio e la sua scena sono state tagliate in post produzione nel film Cinquanta Sfumature di Grigio.

 

CZwoIvrW0AExAMC

 

 

  • Prima di ottenere il ruolo della Dott.ssa Greene avevi letto i libri? Ti erano piaciuti?

Si, avevo letto tutti e tre i libri e li avevo anche prestati a mia madre che ha 72 anni! Avevo un pensiero mentre li leggevo, immaginavo che avrei potuto proprio interpretare la Dottoressa se mai ne avessero fatto un film.

  • Come è stato il processo di casting?

Come ogni altra audizione. Ho ricevuto la chiamata e il tape e l’avrei fatto solo con il direttore del casting. Il regista e il produttore erano assenti. Dopo circa un mese mi hanno telefonato dicendo che la regista voleva vedermi di persona. Mi sono incontrata con Sam Taylor circa 10 minuti e dopo un paio di giorni ricevetti la chiamata in cui mi dissero che avevo ottenuto il ruolo.

  • Hai girato alcune scene che poi sono state tagliate.

Ho girato per un giorno. Tecnicamente erano  due scene, descritte nella sceneggiatura. La prima scena quando Christian mi presenta Anastasia, poi le spiego l’importanza di prendere la pillola tutti i giorni e poi esco dall’appartamento.
La scena continua con Christian e Ana e lui le chiede come era andato l’appuntamento con la ginecologa. Questo è stato girato mentre ero ancora presente sul set e ho capito, quando ho sentito quella battuta, che si poteva tranquillamente tagliare la scena precedente senza compromettere la comprensione della storia al pubblico. A quanto pare nel film c’erano più di 30 minuti di troppo e molte scene dovevano essere tagliate; purtroppo, la mia era una di quelle.

  • Sei stata opzionata per Cinquanta Sfumature di Nero e Rosso il che significa che potresti interpretare di nuovo il personaggio a discrezione della produzione. Sei disponibile a rivestire quei panni? So che molti fan sono rimasti delusi perché consideravano il tuo personaggio importante.

Quando una società di produzione ha un’opzione su di te significa che fondamentalmente sei impegnata con loro per quel progetto.  Quando un attore ha firmato un’opzione, la produzione ha il diritto di usarlo o no e l’attore non ha la possibilità di rifiutare a quel punto. Si tratta essenzialmente di un contratto di anticipo.
Sarei entusiasta di impersonare ancora la Dott.ssa Greene, e contrattualmente non ho scelta.

  • Com’era l’atmosfera sul set?

Il giorno che ero sul set (era il set “Appartamento di Christian”), l’atmosfera era tranquilla, piacevole e professionale. Dakota e Jamie sono stati entrambi gentili ed accoglienti. Facile per me rapportarmi con loro.

  • Come è stato lavorare con Dakota?

È stato bello, abbiamo chiacchierato brevemente durante trucco/parrucco della sua esperienza in 21 Jump St. dove mio marito, Peter DeLuise, ha fatto un cameo.
A parte questo, era molto tranquilla e professionale.

  • C’è qualcosa in particolare che speri di realizzare un giorno?

Voglio fare un qualcosa qui a livello locale, a Vancouver! Qualcosa di sexy, tagliente e moderno!

 

Intervista a cura di Michelle. Shades Updates. Per gentile concessione.

 

 

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi.

 

 

2 commenti

  1. LOla

    Nn commento la regia e il fatto che spesso,x tutta una serie di motivi i film siano piu”scarni”rispetto ai libri,ma 30 minuti di scene tagliate in un film gia scarno e ridotto come questo..mioddio!e poi ci credo che chi non ha nemm letto il libro nn lo ha gradito e lo ha valutato sotto una luce negativa,e per i motivi sbagliati!! -___-‘

  2. Valeria

    Magari con quei 30 minuti il film avrebbe avuto più senso!!! Speriamo che non ripetano gli stessi errori con il Nero e il Rosso…