50 Sfumature di Grigio Film: la recensione di Lucrezia Angel

 

 

 

La recensione del Film Cinquanta Sfumature di Grigio della nostra Lucrezia Angel – giornalista pubblicista – che ieri ha partecipato all’anteprima milanese del film Cinquanta Sfumature di Grigio!

Ovviamente SPOILER.

 

© Lucrezia Angel

© Lucrezia Angel

 

BUONA LETTURA

 

Ieri a Milano al Teatro Odeon si è svolta l’anteprima ufficiale del film che tutti noi stavamo aspettando, Cinquanta Sfumanture di Grigio!

Ovviamente noi di Cinquanta Sfumature Italia non potevamo mancare, quindi armata di blocchetto per gli appunti e la mia fedele biro ero pronta per annotare ogni minimo dettaglio che potesse aiutarmi a scrivere per voi una recensione adatta.

Ma ahimè…di dettagli ce ne sono stati veramente pochi da annotare!! Abbiamo dovuto aspettare circa due anni per riuscire a vedere i nostri protagonisti in carne ed ossa e quello che chiedevamo era un film che riprendesse un pò quello che noi abbiamo letto e riletto in questi anni nel libro di E.L. James ma per apprezzare questo film vi consiglio di abbassare le aspettative… Mr. Grey purtroppo rimarrà solo sulla carta!

Da padrone del mondo che minaccia, mostra un’enorme stanza colma di frustini ed ogni genere di strumento per provocare dolore o piacere, presenta un contratto pieno di ardite soluzioni e poi, nel film, lo vediamo solo legare Anastasia al letto, bendarla ed infine all’apice dell’estremismo darle 6 frustate (ebbene si, le ho contate!) con un immenso senso di colpa. Niente di più, il resto è quello che nel libro promette di non fare mai ma che invece nel film mostra in abbondanza, ovvero “fare l’amore” e non “fare sesso senza pietà”. Quindi, possiamo ben dire che il film segue la scia del romanticismo portando la parte sessuale e passionale a poche scene circoscritte.

Ma veniamo a quello che tutti stavamo aspettando, ovvero le scene di sesso tra Christian e Anastasia… beh vi dirò che di esplicito non c’è molto. Il sesso più che vederlo se ne parla molto… il linguaggio è quello del libro anche se molte scene sono state cambiate per dare un filo logico al film perchè ovviamente tutto non si poteva riportare ed infatti due scene di sesso mancano all’appello: la prima quella nella vasca e la seconda quella del ritorno dalla Georgia. In cambio però otteniamo molta pelle scoperta soprattutto da parte della povera Dakota Johnson che a quanto pare il suo contratto non prevedeva le stesse limitazioni di Jamie Dornan di cui possiamo solo ammirare un bellissimo fondoschiena! Nella temibile stanza rossa la regista ha dato il meglio di sè cercando di mostrare alcune scene BDSM con un certo voyeurismo….il “vedo non vedo” creato appositamente anche per essere visto da un pubblico un pò più giovane.

Sia chiaro oltre a questo il film da un punto di vista scenografico è perfetto… non c’è niente di sbagliato nelle scene ed il montaggio è in accordo con il punto di vista dei vari personaggi, per non parlare della musica che arriva sempre al momento giusto anche se nelle scene più hot avrei preferito qualcosa di diverso.

E ho anche adorato le parti comiche che hanno aggiunto in alcune parti del film (la scena del contratto nello studio di Grey vi divertirà molto, Jamie e Dakota secondo me si sono divertiti tantissimo nel farlo!)

Per il resto, vi posso consigliare di andarlo a vedere anche perchè siamo curiosi di sentire la vostra opinione: Mr. Grey è stato descritto come voi sognavate oppure il regista poteva far di meglio? A voi la parola!

 

 

 

© Riproduzione riservata. Vietata la duplicazione di questi contenuti o parte di essi. Articolo esclusivo per 50 Sfumature Italia.

 

 

8 commenti

  1. enrico

    Per quanto mi riguarda l’aspettativa non è stata tradita.
    Jamie Dornan ha dato vita a quello che era la “mia” idea di Christian,
    ovvero un uomo che a tutti sembra il “signore del suo universo” e che solo Anastasia riesce a percepire come qualcosa di “altro”.
    Credo che la dualità dominatore/malinconico sia stata resa bene.
    Anche io come te ho apprezzato molto il tocco ironico che è stato aggiunto, credo che diversamente certe scene sarebbero risultate “risibili” viste sullo schermo (quello che ho sempre sostenuto – c’ho che funziona sulla pagina scritta, non necessariamente funziona tradotto in immagini).
    Io francamente ho apprezzato anche il “tenore” che è stato dato alle scene di sesso, mostrare di più avrebbe finito per rendere “volgare” quello che durante la lettura la propria fantasia crea/plasma a seconda della propria immaginazone.
    Piccolo appunto … manca anche un altra scena di sesso da aggiungere alle 2 sopra citate, quella nella camera d’albergo di Christian in Georgia.

    • Emanuela

      Concordo su tutto Enrico! Per non restare delusi secondo me bisogna andare al cinema con la mente aperta…è ovvio che ognuno di noi leggendo il libro si è fatto una precisa idea di come tutto doveva essere, ma ricordiamoci che non potevano fare un film porno facendoci vedere TUTTO…secondo me hanno trovato il giusto compromesso per le scene di sesso…si è vero ne manca qualcuna (anche quella nella rimessa delle barche a casa Grey..veramente non c’è nemmeno la rimessa delle barche) ma pazienza dai….penso che era una compito davvero difficile e Sam è stata bravissima!

  2. Francesca

    concordo con te! il Mr Grey padrone del mondo io proprio non l’ho visto…un pò delusa….

  3. ale

    Il sesso ha sempre “venduto” ma in questo caso per capire il vero significato della storia, che si articola in altri due volumi (Cinquanta sfumature di nero e Cinquanta sfumature di rosso), dobbiamo valutare la storia di fondo, non solo le scene di sesso sadomaso, e concentrarci sui protagonisti. È superlativo l’intreccio psicologico-affettivo della loro storia, del cambiamento reciproco nei loro punti di vista sul sesso, sulle relazioni, sull’amore la fiducia, il dolore fisico e mentale. Quello che ti prende è non sapere la reazione di lui alle sue azioni (e viceversa), la testardaggine, la passione, l’amore, la complicità che li tiene uniti.
    La relazione tra l’uomo e la donna
    Lui maniaco del controllo, severo che non si ritiene degno di essere amato e da qui la sua passione per il sesso sadomaso per sentirsi dominatore. Ma nel momento in cui incontra Anastasia tutte le sue certezze cominciano a sgretolarsi perché si trova cambiato da lei. Si sente felice e sereno, anche se i fantasmi del passato non vanno via. Lei cerca di venirgli incontro assecondando i suoi piaceri carnali, per cercare di far svanire le sfumature di tenebre che lo avvolgono, ma quando pensa di esserci riuscita, innamorandosene, si accorge di aver fallito e da qui il turbamento e l’addio.

  4. Simo

    Ho visto ieri sera il film assieme ad una mia collega che non ha letto ( udite udite! ) nessun libro della trilogia, conoscendo solo quello che le avevo raccontato io…ho trovato la prima parte divertente mentre manca qualcosa nella seconda parte del film…non si capisce perché Ana lasci Christian, se non hai letto il libro, inoltre avrei allungato la scena finale ed ovviamente mancano la scena nella rimessa ed altre che avrei ritenuto immancabili nel film. Per quanto riguarda gli attori brava Dakota e bravo Jamie anche se non l’ho mai visto con le mani tra i capelli….

  5. Eleonora

    Il film mi è piaciuto abbastanza, diciamo che ero davvero impaziente e ho aspettato molto tempo per vederlo ma non è quello che mi aspettavo.
    Jamie Dornan mi è piaciuto molto nei panni di Christian ma Dakota non mi è piaciuta nei panni di Anastasia.
    Mancano parti fondamentali nel film come ad esempio le scuse di Josè per aver provato a baciare Anastasia e l’invito alla mostra di fotografie ad Anastasia e Christian, una parte fondamentale che collega il primo libro al secondo.
    Se dovessero fare un sequel non so come potrebbero collegare i due film tra loro.
    La seconda cosa che non mi è piaciuta è che gli altri personaggi sono messi in secondo piano nel film, come ad esempio il personaggio di Mia. Mentre nel libro si crea una bella amicizia tra le due nel film Mia dice poco o quasi niente.
    Il film si è basato solo sulla storia tra i due tralasciando molti particolari che secondo me erano fondamentali per creare un film degno del libro.